Carta del docente, l´informativa del Miur

Gilda_logo-zeroB

dalla Gilda degli insegnanti, 21.11.2016

– Resoconto dell´incontro da organizzazioni sindacali  e amministrazione

card17

– Questo pomeriggio alle ore 15.00, presso il Dipartimento per la Programmazione e la Gestione delle Risorse Umane, Finanziarie e Strumentali del MIUR, si sono incontrate la delegazione di parte pubblica, guidata dal Capo Dipartimento dott.ssa Bono, e le OOSS rappresentative per l´informativa relativa all’attuazione della Card del docente, art. 1 comma 121 della Legge 107/2015.

La dott.ssa Bono presenta i gestori della piattaforma AGID e SOGEI e dopo aver brevemente ricordato la normativa di riferimento passa all´illustrazione del nuovo DCPM, attualmente in registrazione con la nuova procedura per l´erogazione della card per l´aggiornamento.

Per quanto riguarda i beneficiari vengono confermati i docenti di ruolo a tempo pieno e part-time, quelli nell´anno di formazione, gli inidonei per salute, quelli in comando, distacco e fuori ruolo, quelli delle scuole all´estero e di quelle militari. Mancano gli educatori.

Si mantengono anche gli ambiti nei quali spendere la somma, che corrisponderanno ai settori inseriti nella piattaforma: formazione e aggiornamento, libri e testi (anche digitali), mostre ed eventi culturali, musei, cinema, teatro, spettacoli dal vivo, hardware e software.

La tempistica, per l´implementazione della piattaforma cartadeldocente.istruzione.it, che potrebbe subire qualche cambiamento visto la complessità dell´operazione, prevede:
– 28 novembre, apertura agli esercenti e agli enti (anche online) per la registrazione gratuita sulla piattaforma con l´indicazione degli ambiti nei quali intendono fornire i loro beni e servizi; la parte delle scuole, università, conservatori e accademie vengono accreditate direttamente dal MIUR; per la parte musei e cinema si utilizza la banca dati del MIBAC; la piattaforma sarà aggiornabile in progress per tutto l´anno scolastico;
– 30 novembre, apertura per la registrazione dei docenti; i docenti possono registrarsi lungo tutto l´anno scolastico, naturalmente lo devono fare prima di effettuare l´acquisto.

I docenti per accedere alla piattaforma cartadeldocente.istruzione.it devono aver acquisito l´identità digitale (SPID), anche in questo caso non c´è una data di scadenza, comunque la si può fare già da ora. La SPID che si può richiedere a quattro operatori, di cui alcuni gratuiti: INFOCERT, POSTE, TIM, SIELTE dà garanzie di sicurezza e servirà nel futuro per tutti i servizi online della pubblica amministrazione ai quali si accederà con un unico user e un´unica password.

Alla piattaforma, tramite lo SPID, possono accedere solo i docenti che ne hanno titolo e avranno a disposizione un “borsellino elettronico” di 500,00 euro (NB-a differenza di quanto affermato fino ad ora dal MIUR le somme non spese sono cumulabili negli anni successivi). Il docente che non ha speso interamente la cifra dell´anno scolastico 2015/2016 la potrà spendere entro il 31 agosto 2017 (da rendicontare con le vecchie modalità).

Al primo ingresso il docente troverà la richiesta di indicare se ha già effettuato delle spese dal 1 settembre 2016 al 30 novembre 2016. Alla risposta affermativa verrà indirizzato nella parte del sito che gli permetterà di emettere un buono per il settore e per la cifra utilizzata, che andrà a scalare i 500,00 euro di base. Con il buono e la ricevuta fiscale della spesa (pezza giustificativa) si reca nella segreteria della propria scuola che caricherà la richiesta dell´importo. Il MIUR invierà i soldi alla scuola che dietro presentazione della pezza giustificativa liquiderà al docente.

Per i docenti che non hanno già effettuato spese, una volta entrati nella piattaforma, possono scegliere l´acquisto all´interno delle offerte degli esercenti registrati ed emettere un buono (con barcode simile ai buoni pasto) per prenotare l´acquisto che valideranno al momento in cui si realizzerà l´acquisto (esempio se prenoto un film e poi per motivi diversi non ci posso andare, annulla la prenotazionee la somma non mi viene scalata dal borsellino elettronico; l´unica categoria che non si può disdire è quella dei musei).

Se la spesa supera i 500,00 euro è consentito il mix di pagamento (parte card, parte personale). Saranno attivati anche call-center dedicati ai soli docenti per chiarimenti e risoluzione delle problematiche incontrate nell´utilizzo della piattaforma.

Il DPCM, contrariamente a quanto previsto fino ad ora, all´art. 6, c.6, prevede che le somme non spese siano cumulabili nel corso degli anni. Quindi anche ciò che non è stato speso l´anno precedente, lo si ritrova nel “borsellino”.
Nel caso il docente cambi indirizzo o mail nell´anagrafica è prevista la funzione modifica dove inserire i nuovi dati.

Le OOSS hanno rilevato la complessità dell´operazione sia per i numeri coinvolti (740.000 docenti) sia per la somma (oltre 380ml di euro) e confidano che non si verifichino le problematiche vissute anche di recente con le piattaforme informatiche del MIUR.

La nostra delegazione ha chiesto chiarimenti in merito ai corsi di aggiornamento e formazione all´estero e l´Amministrazione ha risposto che tutti gli enti accreditati in piattaforma sono abilitati anche se università o enti che operano all´estero. Ha poi lamentato la mancanza tra i beneficiari degli educatori, per i quali ci sono già state pronunce della magistratura, e dei precari.

Le OOSS hanno chiesto di non ripetere l´esperienza delle FAQ perché non hanno valore di atto amministrativo e di monitorare con successivi incontri questa prima attuazione così da poter effettuare eventuali correzioni prima della messa a regime del prossimo anno scoalstico.

Il MIUR ha dato la disponibilità ad individuare un referente per le OOSS al fine di risolvere eventuali casi problematici.

.

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl