Contratto, Renzi: pronti a chiudere su 85 euro di aumento, ora dipende dai sindacati

Tecnica_logo15B

Alessandro Giuliani,  La Tecnica della scuola  30.11.2016

Renzi-DPEF2017l.jpg

– Il rinnovo del contratto? Dipende dai sindacati se accettare l’offerta degli 85 euro. A dirlo, semplificando molto lo stato della trattativa, è il premier Matteo Renzi.

Il presidente del Consiglio si è espresso a Repubblica Tv, rispondendo ad una domanda sull’incontro odierno tra i sindacati Confederali e l’amministrazione pubblica rappresentata dal ministro Marianna Madia.

Secondo Renzi, “da chiudere prima del referendum l’unica partita aperta è quella del contratto sul pubblico impiego. Decideranno i sindacati se chiuderla o no”.

Il premier ha detto anche: “vedremo se riusciremo a fare anche l’atto di indirizzo sul pubblico impiego con un aumento di 85 euro. Noi siam pronti a chiudere, ci sono le compatibilità”.

“Chiedendo 85 euro i sindacati – ha concluso il presidente del Consiglio – hanno voluto dire che il loro aumento è più alto di quello dato dal governo Renzi e io ho detto ‘bravi'”.

Insomma, dal Governo continuano a giungere segnali positivi sulla conclusione delle trattative per arrivare a sottoscrivere un accordo che si attende dal 2009.

Dall’altra parta, quella sindacale, l’unica organizzazione che potrebbe “sfilarsi” dall’accordo appare al momento la Cgil: entrando a Palazzo Vidoni, poco dopo le 11.00, la leader Confederale, Susanna Camusso, ha detto che servono chiarimenti “sugli 85 euro e su come si intrecciano al bonus degli 80 euro. Ci deve risposte sulla questione della scuola (la Cgil chiede modifiche alla Legge 107/15, in particolare su valutazione e merito ndr). Sono molte le questioni aperte”, ha concluso Camusso.

.

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl