Scuola, contro il progetto di Renzi: Resistenza, Resistenza, Resistenza

fatto-scuola_logo1

di Marina Boscaino,  Il Fatto Quotidiano  17.6.2015

5maggio19

Resistenza, Resistenza, Resistenza. A questo concetto, a questo Luogo della storia nazionale, a questa pagina imprescindibile della nostra identità richiamano le tracce della I prova dell’esame di Stato. E al concetto di cittadinanza consapevole.

Appare quindi ancor più rocambolesco il fatto che Matteo Renzi pronunci parole completamente contrarie mentre annuncia il possibile rinvio del progetto della sedicente Buona Scuola. Come previsto, l’evidenza del più diffuso dissenso che la storia italiana abbia fatto registrare rispetto ad un intervento sulla scuola, invece che essere acquisito come l’espressione della partecipazione dei cittadini e di un lavoro di controproposta attiva rispetto ai progetti governativi, viene rubricato come assenza di responsabilità: “Quest’anno con 3000 emendamenti in commissione, non si riesce ad assumere i 100mila a settembre. Le scelte dell’opposizione hanno come conseguenza che il provvedimento non riuscirà ad entrare in vigore in tempo per settembre“.

Un copione già scritto da tempo; rincara ancora il grande comunicatore: “Se ci sono gli emendamenti, se sono tutti contrari, sembra che sia io l’unico che vuole assumerli“. Era talmente chiaro che la farragine antidemocratica, mercantilista, oltranzista ed autoritaria della Buona Scuola non avesse altre ali che quella dell’imposizione, che sin da novembre (con la chiusura dell’ “ascolto” a senso unico, che aveva tuttavia evidenziato un pronunciamento netto ed inascoltato nei confronti dell’inemendabilità del documento “la Buona Scuola”, ribadito in aprile nei confronti del testo del ddl che ne derivò) Comitati per il sostegno alla Lipscuola, Autoconvocati, forze sindacali e partiti dell’opposizione iniziarono a chiedere lo stralcio delle assunzioni del precariato da far confluire in un decreto, promuovendo una discussione più distesa sul resto del testo. La prova di tutto ciò è nelle memorie delle audizioni – inascoltate, ovviamente – che in molti abbiamo depositato in Commissione cultura della Camera e del Senato; oltre che in innumerevoli comunicati stampa; oltre che in una straordinaria mobilitazione, che ha visto coinvolti docenti, studenti e genitori in migliaia di assemblee, iniziative, manifestazioni e, il 5 maggio, nel più grande sciopero che il mondo delle scuola ricordi, protratto poi in uno straordinario blocco degli scrutini.

Era prevedibile che Renzi tentasse la carta della “responsabilità” e l’extrema ratio della“guerra tra poveri”. Alla quale rispondiamo ricordando quella mobilitazione, ancora viva e generosa in tutto il Paese, che al ricatto – vi assumo i precari, ma voi accettate il resto del “pacchetto” senza discutere – aveva ribattuto con una ragionevole controproposta. Affermare: “la #buonascuola prevede 100mila prof in più, organico funzionale e più soldi per la scuola. Noi ci siamo, spero anche gli altri” è una menzogna demogagica, oltre che un invito superfluo, che ancora una volta – servendosi dei media di regime – il premier prova a diffondere: è stato abbondantemente dimostrato che i “pagherò” previsti dalla riforma sono smentiti dalla legge di Stabilità e dal Def.

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl