Anno prova e formazione neo assunti 2016/17, la relazione al termine del peer to peer: ecco i punti da trattare

Orizzonte_logo14

Orizzonte Scuola, 31.3.2017

– L’anno di formazione e prova dei docenti neo assunti e non è ormai in fase avanzata, con gli insegnanti impegnati a seguire gli ultimi laboratori formativi e a svolgere l’attività di peer to peer (molti docenti hanno già svolto tale attività).

L’attività di peer to peer coinvolge docenti in anno di formazione e docenti-tutor, che si osservano a vicenda in situazione. Per approfondire clicca qui.

Al termine dell’attività di osservazione tra pari il docenti neo assunto, come previsto dal DM 850/2015 all’articolo 9 comma 3, deve stilare un’apposita relazione. Interessanti indicazioni al riguardo sono state fornite lo scorso anno scolastico dall’USR Emilia Romagna nella nota n. 16744 del 24/12/2015 e nei relativi allegati, in cui vengono indicati i punti da trattare.

Ricordiamo che oltre alla relazione, l’attività di osservazione prevede anche la verifica dell’esperienza, da intendere come una riflessione e un confronto tra colleghi, in relazione a quelle che la letteratura considera dimensioni dell’insegnamento: progettuale, relazionale, metodologica, organizzativa e valutativa. Tale attività di verifica non deve svolgersi per forza al termine delle ore di osservazione, ma anche nel corso delle medesime (ad esempio dopo le prime 4 ore di osservazione).

Ritornando alla stesura della relazione, che confluirà nel portfolio del docente in anno di formazione e prova, essa potrà trattare, come indicato dall’USR Emilia Romagna, i seguenti punti

  • vissuto personale durante l’esperienza di osservazione in classe;
  • livelli di competenza riscontrati in sé e nel tutor nella situazioni di apprendimento (in base ai descrittori suddetti);
  • pratiche didattiche nuove apprese nei campi professionali previsti dal Decreto ministeriale 850 del 27 ottobre 2015 (competenze culturali, disciplinari, didattiche e metodologiche, relazionali, organizzative e gestionali);
  • autovalutazione e co-valutazione peer to peer delle performance di insegnamento in relazione alla didattica per competenze: conoscenze, abilità, applicazioni, relazioni, responsabilità, autonomia;
  • aree e competenze di miglioramento individuate;
  • bisogni formativi individuati.

Tutto sull’anno di prova e formazione

.

Anno prova e formazione neo assunti 2016/17, la relazione al termine del peer to peer: ecco i punti da trattare ultima modifica: 2017-04-01T05:14:56+01:00 da Gilda Venezia
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl