Contratto scuola: le risorse aggiuntive svuotano la Buona Scuola?

tuttoscuola_logo14

Tuttoscuola, 3.1.2018

– La causa dello stallo in cui si trova la trattativa per il rinnovo del contratto scuola ha un nome, lo stesso nome di sempre, i soldi. Mentre la ministra dell’Istruzione, Valeria Fedeli, continua a ripetere che le risorse ci sono, i sindacati chiedono un ‘vedo’ per scoprire le carte del Governo e avanzano una richiesta precisa: riversare nel contratto le risorse della Buona Scuola. Ma quali e quante sono queste risorse?

La legge 107/2015 prevede due capitoli di risorse per il personale docente: il bonus della card per l’aggiornamento individuale (500 euro pro-capite, pari a 381,137 milioni annui) e il bonus per la premialità dei docenti (200 milioni annui).

Quelle risorse, come si sa, sostengono due elementi-cardine della riforma renziana, l’aggiornamento obbligatorio dei docenti e la valorizzazione del merito professionale.

Se le risorse dovessero prendere una strada diversa dalla finalità della legge, distribuendosi per contratto a pioggia su tutto il personale, di quelle riforme della Buona Scuola rimarrebbe soltanto il guscio vuoto.

Dopo il congelamento dei trasferimenti e della chiamata diretta la cui applicazione è stata sospesa per un secondo anno mediante il contratto integrativo sulla mobilità, il contratto nazionale potrebbe dare una nuova picconata alla Buona Scuola. PD permettendo, ovviamente.

.

.

.

Contratto scuola: le risorse aggiuntive svuotano la Buona Scuola? ultima modifica: 2018-01-04T06:43:21+01:00 da Gilda Venezia
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl