Coronavirus, il piano per la vaccinazione

di Vittorio Borgatta, InfoDocenti.it, 8.12.2020.

vaccino-anti-covid3

Il Ministero della Salute ha predisposto un primo piano per la vaccinazione anti-Covid19, ecco cosa dice

Con un documento – lo potete scaricare dal link in fondo al post – prodotto dal Ministero della Salute, insieme alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, l’Aifa, Iss ed Agenas, si inizia a delineare la strategia del governo relativa alla vaccinazione anti-Covid19 della popolazione italiana.

Obblighi di vaccinazione e dosi acquistate

Chiariamo subito che il documento non fa alcun riferimento ad obblighi di vaccinazione – ma ciò non esclude che si possa arrivare a questo passo, perché il documento ricorda che “un reale vantaggio in termini di sanità pubblica si può ottenere solo attraverso una diffusa e capillare campagna vaccinale”.
Il documento chiarisce poi che “la Commissione UE e gli Stati Membri hanno poi sottoscritto un accordo in base al quale i negoziati con le aziende produttrici sono stati affidati in esclusiva alla stessa” – ovvero alla Commissione -, “affiancata da un gruppo di sette negoziatori in rappresentanza degli Stati membri (tra i quali un italiano), e da uno Steering board che assume le decisioni finali, ove siedono rappresentanti di tutti gli Stati membri”.
In base ai negoziati, l’Unione Europea “si è già assicurata circa 1,3 miliardi di dosi da parte di diverse Aziende. Queste dosi saranno distribuite agli
Stati membri in proporzione alla numerosità delle rispettive popolazioni”.

Il processo di approvazione del vaccino

Per poter essere utilizzato, il vaccino deve ottenere l’autorizzazione dell’Agenzia europea per i medicinali all’immissione (EMA). L’agenzia ha cercato di contribuire “all’accelerazione del processo senza venir meno al proprio fondamentale ruolo”, attraverso una procedura che “consiste nel valutare le singole parti dei dossier man mano che vengono presentate dalle aziende, anziché attendere l’invio di un dossier completo”.

“Tale procedura, senza inficiare la valutazione complessiva, abbrevia significativamente i tempi, e non si esclude che si arrivi a concedere una prima AIC” – ovvero autorizzazione iniziale al commercio “già entro l’anno”.

Chi verrà vaccinato prima?

Secondo il piano saranno vaccinati per primi:

  1. gli operatori sanitari e sociosanitari, sia pubblici che privati accreditati, perché “hanno un rischio più elevato di essere esposti all’infezione da COVID-19 e di trasmetterla a pazienti suscettibili e vulnerabili in contesti sanitari e sociali”;
  2. “residenti e personale dei presidi residenziali per anziani”;
  3. “persone di età avanzata”.

Complessivamente si tratta di circa 6,5 milioni di italiani.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

Coronavirus, il piano per la vaccinazione ultima modifica: 2020-12-08T20:59:37+01:00 da Gilda Venezia

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl