Il ceffone possibile

– Mentre i carabinieri gli raccontavano del figlio quindicenne sorpreso al parco in compagnia di uno spinello, un ristoratore di Cattolica ha aperto la mano e l’ha stampata sul volto del suo discendente. Il sottufficiale dell’Arma presente alla scena ha denunciato il padre per abuso dei mezzi di correzione. Forse non poteva comportarsi altrimenti. Ma forse avrebbe potuto girarsi dall’altra parte. Invidio chi riesce a tracciare una linea netta tra ciò che va fatto e ciò che non si deve fare mai. Purtroppo appartengo alla schiera dei relativisti, per i quali molto, se non tutto, dipende dal contesto. Anche i ceffoni. Non si possono considerare sullo stesso piano il balordo violento o il pazzo isterico che ogni sera gonfiano i figli come zampogne e un povero cristo che, al termine di una giornata di lavoro, si ritrova convocato in caserma per essere messo a conoscenza delle bravate dell’erede. «Tu me li tiri fuori dalle mani» si giustificava mio padre, le rare volte in cui replicava con una sberla (più minacciata che effettiva) alle mie turbe adolescenziali. E il primo a starci male per giorni era lui.

È un gioco delle parti: il ragazzo trasgredisce, l’adulto sanziona e così insieme si cresce, senza esagerare. Visto l’andazzo rivendicativo-protettivo nei confronti della prole che hanno assunto ultimamente i rapporti tra genitori e insegnanti, mi sarei preoccupato di più se il padre, invece che al figlio, la sberla l’avesse tirata al carabiniere.

.

.

.

.

Il ceffone possibile ultima modifica: 2018-07-01T07:45:33+00:00 da Gilda Venezia

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl