Il cyberbullismo? Presto potrebbe diventare reato

Tecnica_logo15B

Dino Galuppi, La Tecnica della scuola  26.3.2016

cyberbullismo10

– Presto il cyberbullismo potrebbe diventare reato. Con effetti immaginabili sui tanti che oggi praticano questo genere di atteggiamenti con rischi effettivi minimi.

È infatti allo studio della Camera l’introduzione del reato di bullismo espresso con strumenti informatici, con pene che vanno dal sequestro del cellulare o “da sei mesi a cinque anni” se il reato sarà commesso da un maggiorenne.

Queste previsioni sono comprese in alcuni emendamenti della presidente della Commissione Giustizia della Camera, Donatella Ferranti, sottoscritti da tutto il gruppo del partito Democratico  della stessa commissione, e attualmente in discussione alle Commissioni riunite di Giustizia e Affari Sociali.

In particolare la variazione del testo di legge attuale prevede l’inserimento del codice penale nei casi in cui la persona “con condotte reiterate utilizzando strumenti informatici o telematici“:

  • sostituisce illegittimamente la propria all’altrui persona inviando messaggi o pubblicando testi al fine di danneggiare la vittima;
  • carpisce la fiducia di un soggetto attraverso artifici, raggiri, lusinghe o minacce mediante l’utilizzo della rete informatica o telematica, al fine di acquisire, pubblicare, condividere con altri ovvero diffondere i dati sensibili e le informazioni in tale modo acquisiti;
  • realizza, pubblica, divulga ovvero diffonde attraverso la rete informatica o telematica documenti contenenti la registrazione di fatti di violenza, di minacce o di atti persecutori”.

Inoltre la pena è aumentata se il fatto è commesso in danno di un minore o di una persona con disabilità”.

Se il cyber-bullo è un minore l’intervento punitivo è scalabile  da l’ammonimento da parte del Questore, fino al sequestro del “dispositivo”, vale a dire del computer, tablet o smartphone usato dal bullo, anche se esso “appartiene a terzi“, per esempio ai genitori o amici.

Quando questi comportamenti sono compiuti da maggiorenni può scattare anche il reato penale “punito con la reclusione da sei mesi a cinque anni”.

È importante ricordare alcune reazioni che possono essere messe in campo con il supporto di genitori e docenti :

  • Se si viene provocati da un cyber-bullo, è importante non reagire sullo stesso livello. Non rispondere alle email, agli SMS, ai post, ecc.. Il cyberbullo cerca una reazione: se non la ottiene potrebbe smettere prima che il fatto diventi reiterato.
  • A differenza del bullismo tradizionale, in questi casi rimangono molte  tracce. Salvare quindi  i messaggi e le provocazioni ricevute: potranno costituire una prova del reato commesso.
  • È possibile bloccare, almeno parzialmente, l’azione del cyber-bullo, salvando il testo di una chat e inviando una segnalazione al provider del servizio (Facebook, ad esempio) o nel caso del cellulare, al gestore della telefonia mobile.
Il cyberbullismo? Presto potrebbe diventare reato ultima modifica: 2016-03-26T05:36:12+01:00 da Gilda Venezia
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl