Immissioni in ruolo su posti quota 100: è il Caos!

di Vito Carlo Castellana, InfoDocenti.it, 14.5.2020

– Con la decisione presa ieri potrebbe slittare la pubblicazione della mobilità prevista il 26 giugno –

Ieri, 13 maggio, come sempre preannunciato prima con post su Facebook dal Ministro Lucia Azzolina, il Consiglio dei Ministri ha deciso 4500 immissioni in ruolo su posti liberatisi con quota 100 lo scorso anno. Queste assunzioni, che dovevano essere 9000 e pian piano si sono dimezzate, dovevano concludersi l’estate scorsa. Avranno decorrenza giuridica a partire dal 1 settembre 2019 ed economica dal 1 settembre 2020.

Fatte in questo periodo dell’anno creano non poche difficoltà agli Uffici Scolastici Regionali, che sono impegnati in questi giorni a valutare le domande di mobilità e l’accertamento per il diritto a pensione, con delle scadenze molto stringenti. L’accertamento per il diritto a pensione infatti deve avvenire entro il 29 maggio per poi rendere i posti disponibili in organico e per la mobilità. Contestualmente tutte le operazioni relative agli organici e alla mobilità, i cui esiti dovrebbero essere pubblicati entro il 26 giugno, devono concludersi entro il 5 giugno (chiusura del SIDI).

Queste immissioni, che potevano benissimo avvenire mesi prima, si vanno ad inserire in questo meccanismo. Sarà corsa contro il tempo per le convocazioni e l’assegnazione delle sedi.

La ripartizione dei ruoli sarà suddivisa al 50 % dalle Gae e al 50 % dalle graduatorie dei concorsi 2016 e 2018 e coinvolgerà tutti gli ordini di scuola. Le sedi devono necessariamente essere individuate dai docenti prima del 5 giugno, data di chiusura del SIDI, come previsto dall’Ordinanza Mobilità. Dopo tale data potrebbe essere previsto un accantonamento, ma non ci sono indicazioni in merito.

Queste assunzioni sono una beffa per gli immessi in ruolo che hanno scelto la sede la scorsa estate, soprattutto per coloro che sono soggetti al vincolo quinquennale, perché i posti erano già vacanti, ma non potevano essere utilizzati e ora verranno assegnati a chi seguiva in graduatoria. Sono anche una beffa per chi ha fatto domanda di mobilità sia lo scorso anno che quest’anno.

Un’altra grave criticità, possibile fonte di contenziosi, è data dal fatto che alcuni dei neo immessi in ruolo, quelli non soggetti a vincolo quinquennale, avrebbero diritto a produrre domanda di mobilità. Anche se il termine ultimo della presentazione delle domande di mobilità è scaduto da tempo, il comma 5 art. 2 dell’ordinanza dice chiaramente che: “Il personale scolastico destinatario di nomina giuridica a tempo indeterminato, successivamente al termine di presentazione delle domande di mobilità, può presentare domanda entro 5 giorni dalla nomina e, comunque, nel rispetto dei termini ultimi per la comunicazione al SIDI delle domande di mobilità di cui al comma 4” . Pertanto queste immissioni devono avvenire nei prossimi giorni, sia per permettere ai docenti di poter presentare domanda di mobilità, sia per dare il tempo agli uffici scolastici provinciali, già in affanno e con il personale ridotto ai minimi, di poter verificare le stesse domande ed inserirle al SIDI entro il 5 giugno.

L’alternativa è prorogare il termine di scadenza della chiusura delle funzioni, per dare un po’ più di tempo agli uffici scolastici. Questo però potrebbe comportare uno slittamento della pubblicazione degli esiti della mobilità e con esso di conseguenza tutte le operazioni successive, in primis la mobilità annuale.

Ci aspetta ancora una lunga estate con poche certezze, tra concorso, aggiornamento graduatorie terza fascia, immissioni in ruolo e mobilità. Sarebbe necessario che il Ministero scandisca un crono programma e dia indicazioni, senza dimenticare l’emergenza Covid-19!

 

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
Immissioni in ruolo su posti quota 100: è il Caos! ultima modifica: 2020-05-14T08:15:48+02:00 da Gilda Venezia
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl