Intervista …. non petita a Gabriele Toccafondi sottosegretario al Miur / le altre interviste

Forse per le famiglie che scelgono le paritarie, la selezione elitaria effettuata dalla retta annuale costituisce un pregio essenziale, che verrebbe meno in caso di parità economica piena. Una conferma potrebbe essere costituita dall’esito veramente deludente della petizione “La vera “buona scuola” mette al centro lo studente: chiediamo uguaglianza tra statali e paritarie”, lanciata il 5.4.2015, dopo oltre due anni ha ottenuto solo 43.931 firme di adesione, a fronte di un milione di iscritti alle paritarie e quindi di due milioni di genitori.

Risultati immagini per gabriele arcangelo

——-

Intervista …. non petita, ma niente polemiche

commento di Vincenzo Pascuzzi – 28 luglio 2017

Gabriele Toccafondi ripete le stesse cose dette solo qualche mese fa, nessuna novità. La sua intervista è un po’ come una “excusatio non petita, ….” per giustificare ancora quella che è una ulteriore deroga alla Costituzione e alle leggi vigenti. Ma è quasi inutile ripetere polemiche su questioni già ampiamente approfondite e fra commentatori che non sono decisori politici. Rimane il fatto che questi decisori non sono in grado di modificare né leggi, né Costituzione (nel senso voluto dai filo-paritari), e tollerano però le mancette annuali di 570 milioni.

Qualche osservazione marginale e aggiuntiva.

1) Per le famiglie, che possono spendere 6.000 euro/anno, 500 euro costituiscono solo una minima frazione che non risolve l’aspetto e l’onere economico, nemmeno in prospettiva. Forse per le famiglie che scelgono le paritarie, la selezione elitaria effettuata dalla retta annuale costituisce un pregio essenziale, che verrebbe meno in caso di parità economica piena. Una conferma potrebbe essere costituita dall’esito veramente deludente della petizione “La vera “buona scuola” mette al centro lo studente: chiediamo uguaglianza tra statali e paritarie”, lanciata il 5.4.2015, dopo oltre due anni ha ottenuto solo 43.931 firme di adesione, a fronte di un milione di iscritti alle paritarie e quindi di due milioni di genitori.

2) La citazione dell’emendamento di Epicarmo Corbino appare strumentale e incompleta. Leggendo la nota “Senza oneri per lo Stato: la posizione dei Costituenti sulle sovvenzioni alle scuole non statali” di Fabrizio Calzaretti (22 maggio 2009), non si trovano appoggi per sostenere e pretendere la parità economica.

3) La legge 62/2000 riporta all’art. 1, c. 1 “Il sistema nazionale di istruzione …. è costituito dalle scuole statali e dalle scuole paritarie private e degli enti locali” e questa è una semplice premessa o constatazione descrittiva, del tutto innocua, priva di implicazioni, conseguenze, pretese, altro.

4) L’art. 1, c. 3 che riporta “ Le scuole paritarie, svolgendo un servizio pubblico, ….” viene spesso citato a sproposito (per errore o volutamente?) in espressioni tipo: “scuole pubbliche statali o paritarie” o “Il sistema pubblico di istruzione, costituito dalle scuole statali e dalle scuole paritarie”. Insomma le paritarie cercano di nascondere di essere private, almeno così sembra.

http://www.ilsussidiario.net/News/Educazione/2017/7/27/SCUOLA-Toccafondi-in-arrivo-570-milioni-alle-paritarie-Controlli-serrati-ne-chiudiamo-47/775573/

+++++++

Toccafondi: in arrivo 570 milioni alle paritarie. Controlli serrati, ne chiudiamo 47

Sono in arrivo risorse per le scuole paritarie. Gabriele Toccafondi ci spiega a quanto ammontano e perché è importante che lo Stato finanzi questi istituti

“In arrivo il contributo alle scuole paritarie, trasferiti agli Usr le risorse e in questi giorni al via i versamenti alle scuole. Mai nessuno Governo aveva destinato tanta attenzione alla parità scolastica, così come mai nessuno ha mai fatto come noi controlli serrati al sistema delle paritarie tanto da proporre 47 chiusure di riconoscimento della parità scolastica ad altrettante scuole”. Lo ha detto in un recente comunicato il sottosegretario al Miur Gabriele Toccafondi. 

Sottosegretario Toccafondi, quali novità ci sono per le scuole paritarie?

Numeri alla mano possiamo dire di sì, che finalmente ce ne sono. Non abbiamo filosofeggiato sulla parità scolastica, su un aiuto concreto a chi ci lavora, agli insegnanti e alle famiglie, ma abbiamo dato risorse, novità normative, detrazioni fiscali e deduzioni; perché la scuola paritaria è parte integrante del sistema di istruzione nazionale. Numeri alla mano, lo Stato dovrebbe solo ringraziare che esista.

Ci ridica questi numeri.

È una cosa a cui non mi sottraggo. La scuola paritaria per essere tale deve avere il riconoscimento da parte dello Stato e deve sottostare a regole e controlli. Chi non sta in questo sistema di regole e di controlli, non si chiama scuola, fa corsi privati di preparazione. Di solito vediamo le pubblicità “due-tre-quattro anni in uno”, ma questa non è scuola paritaria e non rilascia nessuno titolo di studio finale. Quella non è la parità scolastica. Noi parliamo di chi sta dentro un sistema di  istruzione e formazione monitorato e verificato. Parliamo di 13mila scuole, di 970mila studenti, di 130mila fra docenti e personale non docente. A questo sistema lo Stato riconosce un contributo annuo di 500 euro per quasi 1 milione di famiglie. L’Ocse ha individuato e riconosciuto che il costo medio che lo Stato sostiene per uno studente italiano sia di circa 6.500 euro l’anno e parliamo di circa 9 milioni di ragazzi e bambini. Se domani le paritarie chiudessero si “risparmierebbe” il contributo di 500 euro, ma occorrerebbe  costruire nuove scuole, mantenerle, assumere insegnanti, pagare i servizi per un ulteriore milione di ragazzi e il costo unitario ce lo ricorda l’Ocse: 6.500 euro l’anno!

Tornando sulle novità introdotte, ci parli delle risorse.

I contributi arrivano alle scuole e servono per abbassare le rette, ovvero venire incontro alle famiglie. A conti fatti quest’anno stanno arrivando, proprio in questi giorni, 570 milioni di euro alle scuole. Mai nessuno aveva raggiunto una cifra simile, questo dato qualcuno, anche nella maggioranza, sembra si vergogni a dirlo, io lo urlo. Ai quasi 500 milioni, definiamoli così “storici”, che però noi abbiamo stabilizzato anche per il futuro e unificato come capitolo di bilancio nazionale, si sommano 23 milioni per la disabilità. Questi 23,4 milioni servono per aiutare le famiglie con ragazzi disabili e aiutano le scuole che per legge devono garantire l’insegnante di sostegno. Il problema è che lo Stato non paga loro l’insegnante di sostegno e quindi questa spesa grava, e tanto, sulle famiglie e sulle scuole. Adesso iniziamo a rispondere a questa iniquità con un contributo. Inoltre, quest’anno va aggiunto un contributo straordinario di 50 milioni per le materne. C’è poi un altro elemento di aiuto alle famiglie, sono le detrazioni per i genitori. L’anno scorso erano di 400 euro e tra un anno raggiungeranno gli 800 euro annui a figlio, poi c’è il lavoro per l’estensione dei fondi Pon alle paritarie che sta proseguendo e lo School bonus con il credito di imposta per le aziende, e potrei proseguire.

Nel suo comunicato stampa che annuncia l’arrivo dei contributi ha fatto un appello contro posizioni ideologiche. Rispetto agli anni precedenti è cambiato qualcosa?

Direi proprio che non sembra cambiato molto. In ordine sparso, associazioni varie di studenti, sindacati o insegnanti hanno detto: inaccettabile, decisone che lascia basiti, scelta gravissima e offensiva, poi l’immancabile richiamo all’articolo 33 della Costituzione e al “senza oneri per lo Stato”. Ma ho notato anche un silenzio, spero non rassegnato, da parte di chi la scuola paritaria la vive ogni giorno. Peccato, perché alla parità in Italia si potrà arrivare solo con un percorso razionale e concreto, non per ideologia. Insomma, o la parità viene spiegata, raccontata, difesa da chi la vive, ci lavora, da chi ha fatto esperienze educative oppure vince la rassegnazione e la difesa di un concetto. 

Cosa si risponde a chi cita l’articolo 33 della Costituzione? Il “senza oneri per lo stato” è molto chiaro.

Per dire che non è così basterebbe ricordare che in 70 anni di Costituzione e decenni di contributi la Corte non è intervenuta per bloccare i contributi. Però vorrei aggiungere anche che la storia va studiata, la Costituzione va conosciuta. Soprattutto se la si vuole usare come una bandiera. La Costituzione va letta tutta e così bisogna fare con un articolo. Il 33 va letto tutto. C’è il terzo comma che dice: “Enti e privati hanno il diritto di istituire scuole ed istituti di educazione, senza oneri per lo Stato”. Dopo c’è il quarto comma: “La legge, nel fissare i diritti e gli obblighi delle scuole non statali che chiedono la parità, deve assicurare ad esse piena libertà e ai loro alunni un trattamento scolastico equipollente a quello degli alunni di scuole statali”. Si tratta di una “facoltà” non di un “diritto”. Non per il semplice fatto che ti alzi una mattina e dici “faccio una scuola” lo Stato deve garantirti un percorso, il riconoscimento del titolo di studio finale e delle risorse. Se stai in un percorso di “parità scolastica” ovvero accetti regole, controlli, leggi, percorsi allora ti riconosco un valore e un contributo.

È la famosa questione dell’emendamento Corbino.

Chi propose quell’emendamento in Assemblea costituente era il liberale onorevole Epicarmo Corbino che ricordò che con il “senza oneri per lo Stato” non diciamo che lo Stato non potrà mai intervenire in aiuto degli istituti privati, ma che nessuno istituto privato potrà sorgere con il diritto di avere aiuti da parte dello Stato. Si tratta della facoltà di dare o non dare. Nel dopoguerra, lacerati e divisi su tanti aspetti, la politica seppe trovare un compromesso anche sulla “parità”. Poi per settant’anni è sembrato quasi impossibile parlare di questi temi. È finita, siamo nel 2017 e in tutto,  tutto il mondo la libertà di scelta educativa esiste, e da decenni. La politica, la persona, prenda posizione senza ideologia e con serenità.  

Qual è o quale dovrebbe essere il ruolo della politica nell’affrontare la libertà di scelta educativa?

Viene il mente la scena di un vecchio film di Moretti, Ecce Bombo. “Mi si nota di più se vengo e me ne sto in disparte o se non vengo per niente?”. Su molti temi che riguardano la scuola il dilemma sembra proprio questo: sto in disparte o non vengo proprio? Così, al massimo, ci si gira intorno. Su temi come libertà educativa, autonomia, valutazione, merito non si può più evitare di decidere o stare in disparte. La scuola, sarà ovvio ma bisogna sempre ricordarlo, non è fatta per chi ci lavora o per gli equilibri dei sindacati o della politica, ma per i ragazzi. La domanda quindi deve sempre essere se autonomia, parità, valutazione e  merito siano utili per migliorare la scuola, per il bene degli studenti, oppure no.

http://www.ilsussidiario.net/News/Educazione/2017/7/27/SCUOLA-Toccafondi-in-arrivo-570-milioni-alle-paritarie-Controlli-serrati-ne-chiudiamo-47/775573/

+++++++

Interviste a: Gabriele Toccafondi

Gabriele Toccafondi è nato a Firenze nel 1972. Laureato in Scienze politiche, è stato dirigente di cooperativa. Consigliere comunale a Firenze, è stato vicecapogruppo di Forza Italia. Alle elezioni politiche di aprile 2008 è stato eletto alla Camera nella circoscrizione XII (Toscana). È stato componente della Commissione Bilancio, tesoro e programmazione. Il 3 maggio 2013 è stato nominato sottosegretario di Stato del ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca.

Toccafondi: in arrivo 570 milioni alle paritarie. Controlli serrati, ne chiudiamo 47
27/07/2017
Toccafondi: giovani e droga, senza le famiglie la battaglia è persa
19/02/2017
Toccafondi: paritarie, ecco la svolta (e i soldi)
26/11/2016
Toccafondi: 500 milioni più detrazioni crescenti, la parità reale comincia così
03/11/2016
Toccafondi: una sentenza che rischia di far chiudere tante paritarie
25/07/2015
Paritarie e private, quando la piazza (dei sindacati) dice il falso
21/05/2015
Precari e paritarie, Toccafondi (sottosegretario) risponde alle critiche
14/03/2015
Toccafondi (sottosegretario): parità, lavoriamo per il reintegro dei fondi 2015
03/10/2014
Toccafondi (sottosegretario): giovani, lavorate appena potete
14/07/2014
Toccafondi (sottosegretario): paritarie, evitato l’aumento delle rette
17/01/2014
Toccafondi (sottosegretario): per “salvare” i giovani si apra alle aziende
26/06/2013
Toccafondi (Pdl): la scuola privata non esiste, sull’Imu Governo ambiguo
30/11/2012
Toccafondi (Pdl): inserite detrazioni e deduzioni per le famiglie
17/11/2012
Toccafondi (Pdl): la linea del governo sta impoverendo le famiglie
11/11/2012
Toccafondi (Pdl): il non profit è salvo, ora non dovrà più pagare
04/11/2012
Toccafondi (Pdl): l’Imu rischia di lasciare le paritarie in mano ai giudici
08/07/2012
Toccafondi (Pdl): coi figli a carico aumenta l’esenzione per la prima casa
13/12/2011
Caro Monti, conta anche i figli oltre ai metri quadrati
10/12/2011
Toccafondi (Pdl): trovati i soldi per le paritarie, ora facciamo una legge
15/10/2011
Toccafondi (Pdl): governo battuto? Siamo pronti a una legge col Pd
29/09/2011
Toccafondi: l’Odg sulle esenzioni dall’Ici? La legge non parla solo della Chiesa
16/09/2011
 Toccafondi (Pdl): ecco la soluzione al “pasticcio” del Governo
23/04/2010
Toccafondi (PdL): 130 milioni in arrivo per le paritarie
15/12/2009
Toccafondi: bene l’impegno del governo sulle scuole paritarie, bisogna garantire …
11/11/2008
Toccafondi: «Vogliamo dare fiducia a chi produce. E far leva sulla forza riformatrice …
07/07/2008
http://www.ilsussidiario.net/Intervistati/Archivio/334/Gabriele-Toccafondi/
http://www.ilsussidiario.net/Intervistati/Archivio/334/Gabriele-Toccafondi/2/
+++++++
.
Intervista …. non petita a Gabriele Toccafondi sottosegretario al Miur / le altre interviste ultima modifica: 2017-07-30T05:09:25+02:00 da Gilda Venezia
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl