Invalsi 2018 Terza media: pochi computer e rischio connessione

Corriere-scuola_logo14

di Valentina Santarpia, Il Corriere della sera, 17.3.2018

– Le prove per gli studenti delle terze medie dovranno svolgersi esclusivamente col computer. Ma l’organizzazione della macchina è complessa: tra computer non sufficienti e l’enigma della connettività.

Sette scuole senza computer, almeno un centinaio che sta cercando di trovare una soluzione, e molti casi ambigui tra gli Appennini e le Isole: dopo la segnalazione di Gilda, il sindacato che ha rilevato come in un istituto di Oristano mancassero del tutto i pc per le prove Invalsi di terza media, è scattato l’allarme. Questo è il primo anno in cui i test dovranno essere eseguiti obbligatoriamente al computer. Ma la dotazione tecnologica delle scuole non è all’altezza delle ambizioni dell’Istituto di valutazione, che infatti in questi giorni sta monitorando attentamente la situazione per verificare che tutti gli istituti siano attrezzati adeguatamente. Attualmente abbiamo 200 mila computer per 5861 scuole, ma considerando solo gli studenti di terza media, che sono quelli che dovranno eseguire le prove, abbiamo una media di un computer ogni 2,4 studenti. Non è un cattivo dato: secondo le stime, basta un computer ogni 5 studenti, programmando un’attenta turnazione delle prove, per far sì che tutto fili liscio. Per evitare sovraccarichi sono stati infatti previsti già più giorni, come già accade per molti test all’estero: i ragazzi si alterneranno nelle aule informatiche per eseguire la prova, spalmati su più giorni. Le prove infatti consistono in molteplici domande che vengono mixate e alternate dal sistema informatico, rendendo praticamente impossibile il confronto tra gli studenti.

Le criticità nelle aree interne

«Ma come sempre nelle medie ci sono scuole con 400 studenti e 15 computer e scuole molto ben attrezzate», avverte Roberto Ricci, direttore dell’istituto di valutazione. Le aree più critiche? Quelle interne, appenniniche, sicuramente quelle spopolate dove ci sono stati minori investimenti. «Non il Sud- smentisce Ricci- che anzi ha risposto bene e in vista delle prove ha usato i progetti europei per finanziare l’acquisto delle macchine: è stata l’occasione per attrezzare i laboratori di informatica». E chi non dovesse trovare soluzioni? Si «arrangia come può». Ad esempio, una scuola media statale di Venafro (Isernia), la Pilla, sposterà gli studenti nella vicina scuola superiore: «Abbiamo solo 15 computer per una novantina di alunni- spiegano dalla segreteria- l’unico modo per fare le prove è farci ospitare. Poi magari l’anno prossimo ci attrezzeremo».

L’enigma rete

Un altro aspetto critico, che rischia di far saltare il banco e creare difficoltà alle prove, è la connettività:anche se il ministero dell’Istruzione vanta il 70% delle scuole connesse in rete e cablata col wireless, la vulnerabilità e variabilità della connessione a internet sono enormi. L’Invalsi sta effettuando dei test diagnostici per verificare come lavorerebbero le scuole anche in condizioni pessimistiche, ma «la disponibilità della rete è imprevedibile», nota Ricci, sottolineando che «quando si attua un’operazione così innovativa, le difficoltà sono insite». E infatti c’è chi è corso ai ripari preventivi: «Ci siamo presi tutti i giorni possibili a disposizione, così se qualcosa va storto possiamo comunque svolgere le prove- spiega Massimo La Rocca, preside dell’istituto comprensivo Val Rendena di Pinzolo (Trento)- Io temo che tutti quegli accessi in un solo giorno possano intasare la rete. Noi faremo gruppi di 10-12 alla volta, per minimizzare l’impatto». Anche in Sardegna si stanno attrezzando: «La connettività è molto debole in alcune filiali del comprensivo, come Santa Giusta- spiega Marina Emma, dirigente dell’istituto comprensivo Cabras di Oristano- per cui faremo venire gli studenti nel plesso principale». Al netto degli imprevisti, quelli dal 4 al 19 aprile saranno giorni intensi, per le scuole.

.

.

.

Invalsi 2018 Terza media: pochi computer e rischio connessione ultima modifica: 2018-03-19T04:32:16+01:00 da Gilda Venezia
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl