La Buona Scuola, avanti tutta con raccolta firme per referendum

Gilda_logo-zeroB

dall’ufficio stampa della Gilda degli insegnanti,   7.6.2016

 Appello della Gilda a tutti i cittadini a sottoscrivere i quesiti referendari contro la legge 107/2015

matita-referendum5

“Il bilancio finora è molto positivo e ci fa ben sperare di raggiungere le 500mila firme necessarie per presentare il referendum. Adesso serve un colpo di reni per la volata finale e invitiamo tutte le cittadine e tutti i cittadini a recarsi nelle piazze e nelle strade principali d´Italia dove sono allestiti i banchetti e sottoscrivere i quesiti referendari contro la legge 107/2015”. A lanciare l´appello è la Gilda degli Insegnanti.

“La riforma della cosiddetta ´Buona Scuola´ affida poteri quasi assoluti ai dirigenti scolastici relegando gli organi collegiali di governo della scuola, dove sono presenti insegnanti, genitori e studenti, a semplici momenti di ratifica di decisioni già prese. Le scelte operate nella scuola – dichiara il sindacato – sono simili a quelle che si vogliono portare avanti con la riforma costituzionale e la riforma elettorale, dove il Parlamento perde la sua centralità a favore del Governo e si elegge una maggioranza parlamentare espressione di un solo partito, il partito di governo”.

Per la Gilda, quindi, “firmare per l´abrogazione degli aspetti più controversi della legge 107/2015 significa dare un chiaro segnale di critica nei confronti delle politiche adottate dal governo Renzi e restituire le scelte fondamentali della democrazia ai cittadini e al loro voto”.

Roma, 7 giugno 2016
Ufficio stampa Gilda Insegnanti

La Buona Scuola, avanti tutta con raccolta firme per referendum ultima modifica: 2016-06-07T19:40:20+02:00 da Gilda Venezia
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl