Misurazione febbre a scuola in Piemonte, sospensiva bocciata dal Tar

di Fabrizio De Angelis,  La Tecnica della scuola, 17.9.2020.

Cirio vince il primo round.

Gilda Venezia

Governatore Cirio 1 – Azzolina 0: è il primo round dello scontro fra regione Piemonte e Ministero dell’Istruzione in merito alla misurazione della febbre.

Il Tar del Piemonte, infatti, ha respinto la richiesta di sospensiva d’urgenza chiesta dal Governo nei confronti dell’ordinanza del presidente Alberto Cirio. Ordinanza che prevede la misurazione della temperatura degli studenti all’ingresso delle scuole e non da parte delle famiglie come previsto dalla legge nazionale.

Considerato che il provvedimento regionale impugnato integra e non sovverte il contenuto della disciplina statale – scrive il presidente del Tar Vincenzo Salamone e che  – il rischio sanitario per la Regione Piemonte, tanto più alla luce del fatto che l’apertura delle scuole avrebbe determinato un logico aumento del rischio di contagi, era comunque tale da giustificare l’adozione dei provvedimenti straordinari del caso”.

Il prossimo match è atteso per il 14 ottobre, quando la causa sarà discussa in camera di consiglio, davanti al collegio di giudici.

Per il momento, quindi, le scuole piemontesi dovranno misurare la temperatura agli studenti, come peraltro prevede l’ordinanza regionale.

L’ordinanza

Il provvedimento del 9 settembre, ricordiamo, prevede per le scuole l’obbligo di effettuare la rilevazione della temperatura. In particolare:

  1. è raccomandato a tutti gli istituti di misurare la temperatura agli alunni prima dell’ingresso a scuola;
  2. qualora l’istituto, per ragioni oggettive e comprovate, non fosse nelle condizioni di farlo, dovrà prevedere un meccanismo di verifica quotidiana per controllare che la temperatura sia stata effettivamente misurata dalla famiglia (attraverso una specifica autocertificazione che potrà essere fornita sul registro elettronico, sul diario, su un apposito modulo, su una chat di classe o in qualunque altro modo semplice scelto dalla scuola);
  3. nel caso in cui uno studente dovesse presentarsi senza tale autocertificazione, la scuola avrà l’obbligo di misurare la febbre prima dell’inizio dell’attività didattica.

.

.

.

.

.

.

Misurazione febbre a scuola in Piemonte, sospensiva bocciata dal Tar ultima modifica: 2020-09-18T01:58:57+02:00 da Gilda Venezia

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl