Mobilità 2016/17. Preferenze territoriali da esprimere nella domanda: il grande nodo da sciogliere

Orizzonte_logo14

di Giovanna Onnis  Orizzonte Scuola, 28.10.2015.  

Mobilita10

La mobilità per l’anno scolastico 2016/17, così come prevista, ma non chiarita, nella Legge 107, ha creato nei docenti  numerosi dubbi,  interrogativi  e incertezze.

Se per una parte di questi interrogativi è possibile formulare ipotesi più o meno attendibili, il nodo più difficile da sciogliere, anzi possiamo  dire impossibile da sciogliere con le sole informazioni a disposizione fornite dalla Legge 107 (informazioni praticamente inesistenti), è quello che riguarda le preferenze territoriali  che possono essere espresse nella domanda di mobilità:

  • Quante?
  • Quali?
  • Come?

Prima di ipotizzare quali potrebbero essere le possibili soluzioni al problema è necessario premettere e ricordare cosa prevede la Buona scuola e come i due commi che affrontano l’argomento “Mobilità”, il comma 73 e il comma 108, sottolineano importanti e sostanziali distinzioni tra i docenti, relativamente alle richieste che possono essere presentate nella domanda di mobilità, distinzioni che chiaramente condizioneranno le scelte nelle preferenze territoriali .

In base al comma 73 dall’anno  scolastico   2016/2017   la   mobilità   territoriale   e professionale  del   personale   docente   opera   tra   gli   ambiti territoriali, coinvolgendo,  tutti i docenti tranne coloro che risultano immessi in ruolo nelle fase 0 e nella fase A:

Al  personale  docente  assunto  nell’anno  scolastico 2015/2016 mediante le procedure di cui  all’articolo  399  del  testo unico  di  cui  al  decreto  legislativo  16  aprile  1994,  n.  297, continuano  ad  applicarsi  le  disposizioni  del  medesimo   decreto legislativo in merito all’attribuzione della sede durante  l’anno  di prova  e  alla  successiva  destinazione  alla  sede  definitiva.  Il personale docente assunto ai sensi del comma 98, lettere b) e c),  e’ assegnato agli ambiti territoriali a decorrere  dall’anno  scolastico 2016/2017.  Il  personale  docente  in  esubero   o   soprannumerario nell’anno scolastico 2016/2017 e’ assegnato agli ambiti territoriali. Dall’anno  scolastico   2016/2017   la   mobilità   territoriale   e professionale  del   personale   docente   opera   tra   gli   ambiti territoriali.”

Quindi gli unici docenti che nella domanda di mobilità potranno esprimere preferenze specifiche su scuole e non dovranno chiedere ambiti territoriali saranno i neo-immessi in fase 0 e in fase A e, nel loro caso, la domanda sarà per l’assegnazione della sede definitiva.

Per tutti gli altri docenti le preferenze dovranno essere sugli ambiti territoriali.

Fino a qui sembrerebbe tutto abbastanza semplice se non per la tempistica relativa alla definizione degli ambiti  che risulta non compatibile con la tempistica solita per la presentazione della domanda di mobilità.

Fino al corrente anno scolastico, infatti, i docenti hanno sempre presentato domanda di trasferimento e/ passaggio nel periodo febbraio/marzo, quindi decisamente prima del termine previsto per la definizione degli ambiti che, in base al comma 66, risulta essere  “Entro il 30  giugno  2016”.

Supponendo che questi problemi di incongruenza temporale vengano risolti dal MIUR, anticipando la definizione degli ambiti o posticipando i termini soliti per la presentazione della domanda di mobilità, rimangono ancora delle questioni insolute che differenziano ulteriormente i docente in relazione alle preferenze territoriali a livello di Province.

Infatti  un’altra distinzione fra i docenti che chiederanno mobilità per l’a.s. 2016/17 viene fatta dal comma 108 in relazione alla mobilità straordinaria alla quale non tutti i docenti possono accedere:

Per  l’anno  scolastico  2016/2017  e’   avviato   un   piano straordinario di mobilità territoriale e professionale  su  tutti  i posti  vacanti  dell’organico  dell’autonomia,  rivolto  ai   docenti assunti a tempo indeterminato entro l’anno scolastico 2014/2015. Tale personale partecipa, a domanda, alla mobilità per tutti  gli  ambiti territoriali a livello nazionale, in deroga al vincolo  triennale  di permanenza nella provincia, di cui all’articolo  399,  comma  3,  del testo unico di cui al decreto legislativo 16 aprile 1994, n.  297,  e successive modificazioni, per tutti i  posti  vacanti  e  disponibili inclusi quelli assegnati  in  via  provvisoria  nell’anno  scolastico 2015/2016 ai soggetti di cui al comma  96,  lettera  b),  assunti  ai sensi del comma 98, lettere b) e c). Successivamente,  i  docenti  di cui al comma 96, lettera b), assunti a tempo indeterminato a  seguito del piano straordinario di assunzioni ai sensi del comma 98,  lettere b) e c), e  assegnati  su  sede  provvisoria  per  l’anno  scolastico 2015/2016,  partecipano  per   l’anno   scolastico   2016/2017   alle operazioni di mobilità su tutti gli ambiti  territoriali  a  livello nazionale,  ai  fini   dell’attribuzione   dell’incarico   triennale.”

Quindi  i docenti coinvolti nella mobilità straordinaria per l’a.s. 2016/17 saranno coloro che risultano immessi in ruolo entro l’a.s. 2014/15 e i docenti  neo-immessi nella fase B e C.

Rimangono esclusi  i docenti neo-immessi in fase 0 e in fase  A per i quali rimane valido il vincolo triennale di permanenza nella Provincia di immissione in ruolo e potranno, conseguentemente, presentare solo domanda di mobilità provinciale

A questo punto, considerando le differenze evidenziate così come sono previste nella  legge 107, per valutare le possibili preferenze territoriali esprimibili nella domanda di mobilità dai docenti, è necessario effettuare delle distinzioni e analizzare le diverse situazioni separatamente. Questo per poter fare ipotesi che siano il più possibile attendibili e più vicine alle reali soluzioni che verranno disposte a livello ministeriale.

A tal fine si ritiene utile prendere in considerazione quattro situazioni distintamente:

  • docenti  assunti a tempo indeterminato entro l’anno scolastico 2014/2015
  • docenti soprannumerari
  • docenti neo-immessi (a.s. 2015/16) nella fase 0 e nella fase A
  • docenti neo-immessi (a.s. 2015/16) nella fase B e nella fase C

Docenti  assunti a tempo indeterminato entro l’anno scolastico 2014/2015
Questa categoria di docenti rientra nella mobilità straordinaria e viene coinvolta negli ambiti territoriali.
Questi docenti potranno presentare, quindi,  domanda di mobilità volontaria per tutti  gli  ambiti territoriali a livello nazionale .
Ipotizzando che il MIUR risolva il problema dell’incongruenza temporale tra  scadenza dei termini per la presentazione della domanda e scadenza per la  definizione degli ambiti territoriali, i quesiti che si pongono in relazione alle preferenze territoriali sono i seguenti:

  1. Quanti ambiti territoriali potranno essere richiesti?
  2.  Quante province?
  3. Quanti ambiti per ogni provincia richiesta?

In base alle regole  sulla mobilità seguite fino al corrente anno scolastico, questi docenti che presentano domanda di mobilità volontaria, se non ci sarà nessuna disponibilità nelle preferenze espresse sia in ambito provinciale che interprovinciale, non subiranno una mobilità d’ufficio negli ambiti, ma manterranno invariata la loro titolarità senza ottenere trasferimento.
Non è pensabile infatti che possa essere disposto diversamente in sede di contrattazione nazionale sulla mobilità

Docenti soprannumerari

I docenti soprannumerari verranno subito coinvolti negli ambiti territoriali così come prevede il comma 73: “Il  personale  docente  in  esubero   o   soprannumerario nell’anno scolastico 2016/2017 e’ assegnato agli ambiti territoriali” e dovranno conseguentemente esprimere, nella domanda di mobilità, preferenze sugli ambiti e non su specifiche scuole.

Per questi docenti sorgono diversi problemi con un grande punto interrogativo:
1 – Rimarrà valido, per loro, il diritto al rientro nella scuola di precedente titolarità come recita la norma vigente (CCNI 2015/16) che stabilisce nell’art.7 una precedenza con priorità per il rientro nella scuola (comma 1 punto II) o nel comune (comma 1 punto IV) per un ottennio?
2 – Nel caso in cui il docente soprannumerario non possa essere accontentato in nessuna delle preferenze espresse sugli ambiti territoriali della provincia di titolarità, potrà essere trasferito d’ufficio in un ambito territoriale di un’altra provincia non richiesta?
Questo dubbio preoccupa giustamente i docenti che rischiano l’esubero in quanto fino al corrente anno scolastico la mobilità d’ufficio ha sempre interessato solo ed esclusivamente la provincia di titolarità, non è mai esistita infatti la mobilità interprovinciale d’ufficio.
Sarà così anche per l’a.s. 2016/17?
Sarebbe auspicabile un chiarimento in positivo da parte del MIUR , chiarimento che possa rassicurare i docenti che rischiano l’esubero dimostrando l’infondatezza dei loro timori.

Docenti neo-immessi (a.s. 2015/16) nella fase 0 e nella fase A

Questi docenti, essendo neo-immessi nel corrente anno scolastico 2015/16, sono su sede provvisoria e per l’assegnazione della sede definitiva dovranno necessariamente fare domanda di trasferimento per l’a.s. 2016/17, altrimenti sarà l’Ufficio Scolastico a stabilire la loro destinazione.
Per loro non si prevede un coinvolgimento negli ambiti territoriali e non risultano inseriti nel piano di mobilità straordinaria, per cui potranno esprimere preferenze specifiche per scuole ubicate esclusivamente nella provincia di immissione in ruolo dove risultano avere la titolarità.
Per loro, quindi,  risulta confermata la provincia di immissione in ruolo come provincia di titolarità

Gli  interrogativi che interessano questi docenti sono i seguenti:
1 – Se non fosse possibile accontentarli nelle preferenze espresse come sarà gestita per loro la mobilità d’ufficio?
2 – Quali regole dovranno essere seguite?
3 – In caso di mobilità d’ufficio, si continuerà a parlare di titolarità in una scuola assegnata d’ufficio o si dovrà parlare anche per loro di ambiti territoriali?

Docenti neo-immessi (a.s. 2015/16) nella fase B e nella fase C

Questi docenti, anche loro neo-immessi nel corrente anno scolastico 2015/16, sono su sede provvisoria e per l’assegnazione della sede definitiva dovranno necessariamente fare domanda di trasferimento per l’a.s. 2016/17. Per loro si prevede un coinvolgimento negli ambiti territoriali e risultano inseriti nel piano di mobilità straordinaria, per cui potranno esprimere preferenze per tutti  gli  ambiti territoriali a livello nazionale. ( con il distinguo per immessi in ruolo da GM)
Questi docenti, quindi,  potranno essere trasferiti (a domanda o d’ufficio) in un ambito territoriale appartenente ad una Provincia diversa da quella di immissione in ruolo.

Per loro si presenta una situazione più ingarbugliata e per ora abbastanza enigmatica.

Dovranno scegliere prima la provincia nella quale avere l’assegnazione della sede definitiva per esprimere solo successivamente preferenze sugli ambiti territoriali della Provincia di titolarità assegnata?
Se così fosse, dovranno presentare due domande distinte con diversa tempistica?

Gli interrogativi  e le domande senza risposta sono, quindi, veramente troppe e le risposte dovranno essere date in modo chiaro per non determinare fraintendimenti ed errori da parte dei docenti che presenteranno domanda di mobilità per l’a.s. 2016/17.

Il MIUR dovrà fornire chiarimenti e delucidazioni doverose, puntuali e precise ai docenti coinvolti che hanno il diritto di poter esprimere le loro preferenze in modo consapevole e con cognizione di causa

Mobilità 2016/17. Docenti trasferiti negli ambiti territoriali: in quali scuole e in quali classi di concorso lavoreranno

Mobilità 2016/17. Preferenze territoriali da esprimere nella domanda: il grande nodo da sciogliere ultima modifica: 2015-10-28T07:38:40+00:00 da Gilda Venezia

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl