Mobilità: la via di uscita dal pasticcio è molto stretta

Tecnica_logo15B

Lucio Ficara ,  La Tecnica della scuola  6.1.2016.  

calle-stretta1

È assolutamente vero che il comma 196 della legge 107/2015 è molto perentorio nell’abolire e rendere inefficaci le  norme  e  le  procedure  contenute  nei contratti collettivi, contrastanti con quanto previsto dalla stessa legge. Infatti questo comma rende la via di uscita dal pasticcio mobilità 2016 molto stretta, non consentendo un accordo tra Amministrazione e Miur. Allora come mai si respira una certa fiducia, in particolare modo in alcuni sindacati, per riuscire a raggiungere un accordo per la mobilità 2016/2017? Una cosa è certa la missione dell’accordo è veramente difficile e complessa, ma non impossibile. Vediamo perché analizzando alcuni passi linguistici della legge.

 Ad esempio prendiamo la parte conclusiva del comma 73: ” Dall’anno  scolastico   2016/2017   la   mobilità  territoriale   e professionale  del   personale   docente   opera   tra   gli   ambiti territoriali”. In questo periodo non c’è scritto che la   mobilità  territoriale   e professionale  del   personale   docente   opera “SOLO”   tra   gli   ambiti territoriali. Mancando nel comma 73 l’avverbio di modo “Solo”, si potrebbe intendere che ci possa essere anche un’altra modalità per trasferirsi e non soltanto quella degli ambiti.  Per cui un accordo che consenta anche il trasferimento tra scuole oltre a quello tra ambiti è possibile e non contrasterebbe la legge 107 e il suo “benemerito” comma 196.

In buona sostanza nulla vieterebbe che un docente che si voglia trasferire possa chiedere come preferenza prioritaria le scuole di un dato comune (magari quello di residenza) e anche l’ambito in cui sta quel Comune. Se poi c’è la scuola libera in quel comune viene trasferito in tale scuola, quindi con un trasferimento tra scuole, altrimenti entra nell’ambito. Mi pare che la questione regga anche senza violare la legge 107/2015………anche se le intenzioni del legislatore erano totalmente altre!!! Probabilmente questo è l’escamotage utilizzato dall’Amministrazione per raggiungere l’accordo.

Ma resta in piedi l’altro scoglio che rende difficile la firma dei sindacati sul contratto di mobilità. Si tratta della ormai “famigerata” chiamata diretta dei docenti che si trovano su ambito da parte dei dirigenti scolastici. In questo caso si dovrebbe leggere bene il comma 79 della legge 107. In tale comma è scritto che :” A decorrere dall’anno scolastico 2016/2017,  per  la  copertura dei  posti  dell’istituzione  scolastica, il  dirigente  scolastico propone gli  incarichi  ai  docenti  di  ruolo  assegnati  all’ambito territoriale di riferimento, prioritariamente sui posti comuni  e  di sostegno, vacanti e disponibili, al fine  di  garantire  il  regolare avvio delle lezioni, anche tenendo conto delle candidature presentate dai docenti medesimi e della precedenza nell’assegnazione della  sede ai sensi degli articoli 21 e 33, comma  6,  della  legge  5  febbraio 1992, n. 104”. In tal caso la legge lascia ampi margini di accordo tra Amministrazione e sindacati, in quanto la proposta di incarico del docente da parte del dirigente scaturisce “ANCHE” ma “non solo” dalle candidature presentate dai docenti medesimi. Per cui nulla osta introdurre altri criteri, magari oggettivi, per cui il dirigente scolastico resti vincolato ad una scelta piuttosto che ad un’altra.

Certo è che il legislatore avrebbe voluto i trasferimenti solo tra ambiti e la chiamata diretta, tuttavia se si vuole trovare un accordo ragionevole, anche se la strada, è molto stretta, questo è possibile

Mobilità: la via di uscita dal pasticcio è molto stretta ultima modifica: 2016-01-06T14:46:21+00:00 da Gilda Venezia

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl