Nuovo contratto, lo scambio governo-sindacati non è finito

sussidiario_logo3

di Cianzia Billa,  il Sussidiario, 10.2.2018

Il contratto collettivo nazionale del comparto scuola è stato firmato dopo più di un decennio di mancato rinnovo. Aumenti stipendiali, niente ore in più, formazione facoltativa.

E così il contratto collettivo nazionale del comparto scuola è stato firmato dopo più di un decennio di mancato rinnovo. Il governo si dice soddisfatto e i sindacati divisi. Dopo settimane di polemiche che avevano imputato al Governo il tentativo di aumentare le ore di lavoro degli insegnanti a fronte di quel che, a quel punto, sarebbe stato un finto aumento degli stipendi. La versione ultima del contratto ha fatto dietro front rispetto all’aumento delle ore e riconosce un aumento che si aggira in media al 3,48 per cento favorendo i salari più bassi.

Eppure la firma del contratto smentisce le previsioni di chi, anche dalle pagine di questo quotidiano, lo aveva considerato impopolare per il Pd e ipotizzava una firma post-elettorale. Evidentemente a questa previsione è sfuggito qualcosa. Forse la prospettiva, il frame, entro il quale il Governo, ben consapevole del dissenso dirompente che il mondo della scuola ha espresso dopo la legge 107 — peraltro discutibile —, ha posto la trattativa soprattutto con i sindacati confederati. I quali, già mesi fa, nelle poche assemblee sindacali che trasmettevano il solito appello al necessario rispetto della professione insegnante e Ata, facevano passare però un messaggio chiaro: la contrattazione non può non chiudersi. E alla fine si è chiusa con un effetto gradimento per il dietrofront sull’aumento delle ore… Qual è la prospettiva sfuggita a certe previsioni? Il successo del poter dire: ecco, noi, e solo noi, abbiamo rinnovato il contratto (i contratti, se si pensa anche ai Vigili del Fuoco, ecc.) dopo più di un decennio.

Pace fatta! Ciò a vantaggio del consenso per la sfida elettorale e della serenità che i sindacati vorranno concedere sui tre concorsi alle porte: dirigenti scolastici, concorso a cattedra per abilitati e… imminente Fit.

.

.

.

Nuovo contratto, lo scambio governo-sindacati non è finito ultima modifica: 2018-02-10T06:56:01+00:00 da Gilda Venezia

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl