Pensioni novità quota 100: importo

di Giuseppe Spadaro, Termometro Politico, 24.10.2018

– Requisiti Quota 100, cosa cambia da febbraio 2019.

Pensioni novità quota 100: confermato il superamento della legge Fornero. In conferenza stampa il Presidente del Consiglio Conte con i due vicepremier Di Maio e Salvini ed il ministro dell’economia Tria hanno presentato le principali misure della prossima manovra. Ampio spazio è stato dato al tema previdenziale. Infatti il Governo punta molto sul messaggio da lanciare agli italiani: il raggiungimento della pensione deve essere agevolato rispetto ai termini previsti dalla legge approvata dal Governo Monti e dal ministro del lavoro Fornero.

Cosa è previsto per il primo anno? Sarà possibile, come è stato detto nelle ultime settimane, andare in pensione con 62 anni di età e 38 anni di contributi versati.

– Pensioni novità quota 100, domande da febbraio 2019

La misura dovrebbe dare, potenzialmente, la possibilità a 400.000 italiani di andare in pensione. Ed il costo è stimato intorno ai 7 miliardi di euro. Si è parlato nelle passate settimane di finestre temporali. Infatti secondo le previsioni dovrebbe essere ricevere l’assegno pensionistico a partire da aprile 2019. In conferenza stampa è emersa una novità. In pratica la domanda si potrà presentare da febbraio 2019. Chiaramente a breve si conosceranno i dettagli delle singole misure, compresi eventuali aspetti più specifici in merito a Quota 100 o come la proroga di Opzione Donna.

– Pensioni novità quota 100, divieto di cumulo dei trattamenti previdenziali e altre forme reddito da lavoro.

Un’altra novità è relativa all’introduzione del divieto di cumulo dei trattamenti previdenziali con altre forme di reddito da lavoro. Da quanto si è appreso il divieto dovrebbe durare almeno un anno.

Come sempre hanno detto gli esponenti del Governo l’obiettivo nel medio termine è duplice. Rispetto a Quota 100 si proverà a renderla priva di paletti. In pratica nei prossimi anni, coperture economiche permettendo, l’esecutivo intenderà dare la possibilità di andare in pensione anche a chi raggiunge Quota 100 con combinazioni come 64 anni più 36 anni di contributi versati. O 60 anni di età e 40 anni di contributi versati. E via discorrendo. In più circa l’attuale margine di pensione anticipata l’intenzione è di dare a chiunque abbia versato 41 anni di contributi la possibilità di andare in pensione a prescindere dall’età anagrafica.

.

.

.

.

Pensioni novità quota 100: importo ultima modifica: 2018-10-25T10:39:42+00:00 da Gilda Venezia

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl