Regolamento GDPR rispetto alla pandemia

La Tecnica della scuola, 12.12.2020.

A proposito di privacy Covid e scuola, quali regole gli istituti devono rispettare a tutela dei minori?

Gilda Venezia

Quale regolamento del Garante della Privacy per la tutela dei minori a scuola (o a casa in DaD) rispetto al Covid e alla didattica a distanza?

Tre consigli pratici di grande rilievo del Garante della privacy sono:

  • 1) prima di pubblicare immagini di altre persone accertati di avere il loro consenso;
  • 2) rifletti bene prima di postare online foto o filmati perché poi potrebbe essere molto difficile eliminarli.
  • 3) fare attenzione all’uso dei tag associato al proprio nome. A questo proposito ricordiamo che alcuni social network consentono di: bloccare l’inserimento di tag con il proprio nome nelle immagini postate da altre persone; autorizzare solo alcune persone a taggare le immagini con il proprio nome; ricevere un messaggio di avviso se qualcuno collega il proprio nome ad un’immagine, in modo che sia possibile approvare o rifiutare il tag.

Privacy Covid scuola

Nello specifico dell’uso di smartphone o tablet a scuola o durante la didattica a distanza, il Garante della Privacy specifica che l’uso di cellulari e smartphone è consentito per fini strettamente personali o per uso didattico, purché nel rispetto delle persone. Spetta comunque agli istituti scolastici decidere nella loro autonomia come regolamentare o se vietare del tutto l’uso dei cellulari. In ogni caso resta inteso che non si possono diffondere immagini, video o foto sul web se non con il consenso delle persone riprese.

Gli istituti sono chiamati a fare attenzione alla questione della Privacy in relazione alla DDI. Sul sito del Ministero, infatti, in tema di Privacy Covid scuola, si legge: Si raccomanda di adottare accorgimenti al fine di minimizzare i rischi derivanti da un uso improprio o dalla perdita di controllo dei materiali e delle videolezioni resi disponibili dai docenti sulla piattaforma, con possibile pregiudizio della protezione dei dati.

Domande frequenti

Una domanda frequente da parte delle famiglie è:

Le scuole sono tenute ad acquisire il consenso di alunni, genitori e insegnanti per attivare la didattica a distanza?

La risposta del garante della Privacy è netta: no. L’informativa sulla Privacy nella scuola del Covid chiarisce la questione nel documento Covid e protezione dei dati personali:

Gli istituti scolastici possono trattare i dati, anche relativi a categorie particolari di insegnanti, alunni (anche minorenni), e genitori nell’ambito delle proprie finalità istituzionali e non devono chiedere agli interessati di prestare il consenso al trattamento dei propri dati, neanche in relazione alla didattica a distanza, attivata a seguito della sospensione delle attività formative delle scuole di ogni ordine e grado.

D’altra parte, a garanzia delle famiglie, sulla stessa informativa legata alla Privacy Covid a scuola, il garante chiarisce che: gli istituti scolastici devono informare gli interessati in merito ai trattamenti dei dati personali effettuati nelle attività di didattica a distanza e sono tenuti ad assicurare la trasparenza del trattamento informando, con un linguaggio facilmente comprensibile anche dai minori, gli interessati (alunni, studenti, genitori e docenti) in merito, in particolare, ai tipi di dati e alle modalità di trattamento degli stessi, ai tempi di conservazione e alle altre operazioni di trattamento, specificando che le finalità perseguite sono limitate esclusivamente all’erogazione della didattica a distanza, sulla base dei medesimi presupposti e con garanzie analoghe a quelli della didattica tradizionale.

Privacy e sintomi da Covid-19

Quanto alla questione dell’informativa privacy legata ai sintomi da Covid-19, sulle Faq Ministeriali leggiamo che le famiglie devono collaborare, ma non sono tenute a dichiarare periodicamente l’assenza di sintomi del figlio. Ecco cosa afferma il Ministero nelle Faq:

Le scuole non possono imporre alle famiglie e agli alunni di dichiarare periodicamente l’assenza di impedimenti (quale febbre o difficoltà respiratorie) all’accesso ai locali scolastici, ma possono invece richiedere alle famiglie di collaborare, informando il dirigente scolastico o il referente scolastico per COVID-19, circa: eventuali assenze per motivi sanitari al fine di individuare eventuali focolai; il caso in cui un alunno risulti contatto stretto di un caso confermato COVID-19.

O ancora, in un’altra Faq:

È possibile far sottoscrivere agli studenti o ai genitori, per gli alunni minorenni, delle autodichiarazioni sullo stato di salute o in merito all’eventuale esposizione al contagio da Covid-19, quale condizione per l’accesso a scuola?
No, attraverso le dichiarazioni sostitutive non è possibile autocertificare il proprio o l’altrui stato di salute. L’art. 49 del DPR 445/2000 prevede infatti la non sostituibilità dei certificati medici e sanitari.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

Regolamento GDPR rispetto alla pandemia ultima modifica: 2020-12-13T03:51:11+01:00 da Gilda Venezia
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl