Scuola, in 7 anni aumentate le certificazioni DSA del 450%

di Lucia Mondello, Scuola in Forma, 15.7.2019

– A proposito delle certificazioni DSA qualcosa non torna nel mondo della scuola. I risultati Invalsi presentano un conto salatissimo per il sistema istruzione soprattutto al centro sud. I dati sono assolutamente imbarazzanti per chi con professione svolge il delicato incarico di insegnante. Spesso, però, questo lavoro viene ostacolato da tanti fattori, primo tra questi proprio l’aumento esponenziale dei casi certificati di DSA.

Troppe certificazioni DSA a scuola: il fenomeno è da capogiro, occorre un cambio di rotta

Il docente è il perno dell’attività scolastica, questo è quello che qualcuno non sa. Un assioma che trova esplicazione proprio nei risultati (negativi) delle prove Invalsi dell’anno scolastico precedente. Un dato estremamente sconsolante e che in parte molti insegnanti già immaginavano.

Il paradosso poi si evidenzia in un duplice aspetto, tanto discusso tra i docenti e che non è stato altrettanto mai chiarito all’opinione pubblica. Proviamo a farlo noi: “Da un lato il docente viene valutato dai Dirigenti Scolastici, dalle Famiglie e anche dagli Enti esterni come appunto l’Invalsi…., dall’altro deve valutare esso stesso i propri studenti”. In quest’ultima fase, però, gli ostracismi diventano davvero innumerevoli, e che non stiamo qui a ripetere.

Valutazione falsificata da troppe certificazioni

Tutto ciò si trasforma in una falsificazione di massa, tacitamente accettata da tutti, ma proprio tutti. Il più delle volte ci si trova dinanzi a ‘casi umani’, e di questi oramai la scuola è stracolma. In ogni classe, infatti, le certificazioni sui disturbi dovuti a dislessia, a discalculia o a disgrafia sono in media non meno di tre. Non facciamo cenno, invece, dei casi non certificati…. quelli, abbondano più dei primi.

La normativa, in questi casi, prevede ad inizio anno la predisposizione da parte del Consiglio di Classe di un Piano Didattico Personalizzato in cui vanno scritti nero su bianco alcuni interventi che tutti i componenti (docenti) dovranno approntare nella propria azione didattica rivolta a tali soggetti. In particolare, si parla di strumenti compensativi e misure dispensative. Il più delle volte però queste azioni si traducono, nella fase delle valutazioni in itinere e finali, in valutazioni quasi sempre prive di veridicità. Spesso tutto questo si traduce nella drastica riduzione degli obiettivi minimi, al di sotto delle competenze di base. Insomma, i docenti accostano il disturbo specifico dell’alunno a quanto di più sbagliato si possa fare: “L’alunno DSA viene promosso alla classe successiva (quasi in automatico) solo perché in possesso di una certificazione DSA”. Durante gli scrutini, questa frase purtroppo ricorre di frequente.

DSA, gli insegnanti hanno le mani legate: “Troppe certificazioni, non possiamo più intervenire”

Consapevoli del fatto che non si può andare avanti in questo modo, i dati sulle certificazioni DSA presentano un quadro generale sconfortante. Il quotidiano “Il Messaggero” prova a delineare la situazione attuale, mettendola a confronto con quella di 7 anni prima. I risultati, in termini statistici, parlano di un vero e proprio fenomeno, puntando i riflettori sulla macroscopica crescita a dismisura delle certificazioni relativi ai disturbi dell’apprendimento da parte delle ASL su richiesta delle famiglie.

Il Messaggero prova ad analizzare i dati emersi negli ultimi anni sul fenomeno DSA

Vediamo di analizzare i risultati dell’indagine che ‘Il Messaggero.it” ha condotto su questo problema:

  • Sino ad ora sono state rilasciate agli studenti italiani 177.000 certificazioni per dislessia;
  • 3 alunni su 100 presenta problemi di lettura, di scrittura e di calcoli matematici;
  • Si è passati dallo 0,7% dei DSA nell’anno scolastico 2010-2011 al 3,2% nell’anno scolastico 2017/2018, con un aumento esponenziale pari al 450% nell’arco di soli 7 anni;
  • Il numero complessivo degli studenti italiani che possiede una certificazione rilasciata dall’ASL che attesti un disturbo nell’apprendimento ammonta alla sbalorditiva cifra di 270.000 unità.

Questi numeri possono benissimo definirsi da capogiro. Evidenziano come spesso le certificazioni siano considerate dei veri e propri ‘salvacondotti’ per gli studenti e per le loro famiglie. Questi dati poi, diventano enormemente ridondanti per chi, come i docenti oggi paga lo scotto di un buonismo solo fine a se stesso. I dati complessivi presentano una situazione inconfondibilmente falsata, sotto tutti i punti di vista. Senza puntare il dito contro nessuno, si può dire che questo quadro è la sommatoria di tante cause; tra queste, si annida anche e soprattutto la complicità di più figure professionali che concorrono negativamente all’educazione, all’apprendimento e alla salute delle nuove generazioni.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

Scuola, in 7 anni aumentate le certificazioni DSA del 450% ultima modifica: 2019-07-15T22:05:09+02:00 da Gilda Venezia
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl