Scuola, in attesa dei fatti, alcune proposte

scialpi_logo16

dal blog del maestro Scialpi, 4.6.2018

– Scuola, in attesa di valutare il governo dai primi atti concreti ( sottosegretari, indirizzo programmatico), ritengo utile proporre i seguenti punti ( mi auguro diventino atti normativi)

Le proposte 

  1. abolizione delle classi pollaio e superpollaio in nome di un diritto allo studio sostanziale e non solo formale;
  2. ripristino del tempo pieno e delle compresenze nelle scuole primarie;
  3. pensione con quota 100. Non è possibile avere in classe insegnanti-nonni esposti tra l’altro al burnout;
  4. impiego degli insegnanti vicini a quota 100 in mansioni indirettamente collegati alla classe (supporto ai nuovi assunti, formazione, Figure strumentali, Animatore Digitale,  Referente cyberbullismo. componente della commissione Pon…)
  5. istituzione del tecnico di laboratorio nei comprensivi, come previsto dal PNSD;
  6. elezione del Dirigente Scolastico da parte dei docenti;
  7. maggiore possibilità di bocciare fin dalla scuola primaria, se questa può risultare utile al ragazzo:
  8. cancellazione delle prove Invalsi, che hanno dimostrato la loro scarsa aderenza con la didattica quotidiana;
  9. abrogazione della legge 107/15 (alternanza scuola/lavoro, bonus merito, chiamata diretta…);
  10. anno sabbatico ogni dieci anni con percorso formativo certificato da esami.

Potrei continuare, ma mi fermo qui

.

.

.

.

Scuola, in attesa dei fatti, alcune proposte ultima modifica: 2018-06-05T05:23:14+00:00 da Gilda Venezia

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl