Un docente in congedo parentale può partecipare a corsi di formazione?

di Andrea Carlino,  La Tecnica della scuola, 7.2.2019

– I meccanismi che riguardano il congedo parentale dei lavoratori dipendenti a volte lasciano alcuni dubbi. Pertanto proviamo a fare chiarezza.

Intanto bisogna premettere che il Decreto legislativo 80/2015 ha apportato diverse modifiche migliorative al T.U. sulla maternità e paternità (D.l.vo 151/2001), tra cui anche l’estensione del periodo di fruizione del congedo parentale.

A tal proposito, prendiamo come riferimento l’orientamento applicativo ARAN n. 098, riferito proprio al Comparto Scuola.

Per quanto riguarda l’aspetto del trattamento economico del congedo parentale, alla luce delle modifiche del decreto legislativo n.80/2015, i primi 30 giorni di congedo parentale di cui all’art. 12, comma 4, sono retribuiti per intero se sono fruiti dal lavoratore prima del compimento del sesto anno di vita del bambino.
Se, invece, essi sono richiesti per la prima volta dal genitore dopo il sesto anno, analogamente a quanto previsto dall’art. 34, comma 3, del D. Lgs. n. 151/2001, il trattamento economico pari al 100% della retribuzione può essere riconosciuto fino all’ottavo anno di età del bambino solo in caso di sussistenza delle condizioni di reddito previste dalla legge (reddito individuale dell’interessato inferiore a 2,5 volte l’importo del trattamento minimo di pensione a carico dell’assicurazione generale obbligatoria).

Alle stesse condizioni può essere corrisposta un’indennità pari al 30% della retribuzione per i mesi successivi al primo.

Bisogna sapere che, per quanto riguarda il trattamento economico da erogare dopo il sesto anno, la disciplina di miglior favore deve sempre essere applicata nella cornice legale del D. Lgs. n. 151/2001 che all’art. 34 ne stabilisce le relative regole.

Un docente in congedo parentale può partecipare a corsi di formazione?

L’Aran, in un orientamento applicativo, fa chiarezza sulla questione riguardante i corsi di formazione e il docente in congedo parentale. Può il professore parteciparvi?

Ai sensi dell’art. 12, comma 4, del CCNL 29 novembre 2007 nell’ambito del periodo di astensione dal lavoro previsto dall’art. 32, comma 1, lett. a) e b) del Dlgs 151/2001 ciascun genitore ha diritto di  beneficiare del congedo parentale per un periodo continuativo o frazionato.

La possibilità che viene data al lavoratore di poter usufruire del congedo parentale anche in modo frazionato apre la strada ad una possibilità di interruzione del periodo di congedo; durante tale sospensione il lavoratore sarebbe libero di partecipare ad iniziative di formazione.

Congedo parentale riduce le ferie?

Solo i periodi di congedo parentale retribuiti al 100% sono utili ai fini della maturazione dello ferie e per quelli retribuiti al 30% tale effetto è escluso direttamente dalla legge.

A dirlo è ancora l’Aran, con un orientamento applicativo, con il quale risponde alla domanda “il congedo parentale riduce il periodo di ferie?” richiamando la normativa di riferimento.

A tale proposito l‘art 13, comma 14, del CCNL Scuola dispone che “il periodo di ferie non è riducibile per assenze per malattia o per assenze parzialmente retribuite, anche se tali assenze si siano protratte per l’intero anno scolastico”. Secondo l’ARAN, il CCNL fa espresso riferimento al trattamento economico spettante al dipendente assente per malattia per un periodo di 18 mesi nel triennio, così come disposto dall’art. 17, comma 8.

Ai sensi dell’art. 34, comma 5, del D.Lgs. 26 marzo 2001 n. 151, “i periodi di congedo parentale sono computati nell’anzianità di servizio, esclusi gli effetti relativi alle ferie e alla tredicesima mensilità o alla gratifica natalizia”, mentre l’art 12 del CCNL citato disciplina i congedi parentali per il personale del comparto, stabilendo al comma 4 che nell’ambito del periodo di astensione dal lavoro previsto dall’art.32, comma 1, lett. a) del D. Lgs 151/2001, per la lavoratrice madre o in alternativa per il lavoratore padre, solo i primi trenta giorni valutati ai fini dell’anzianità di servizio e retribuiti per intero non riducono le ferie.

Da quanto sopra, l’ARAN deduce che sono utili alla maturazione dello ferie solo i periodi di congedo parentale retribuiti al 100%, mentre sono esclusi quelli retribuiti al 30%.

Vale anche per i supplenti

I docenti con contratto a tempo determinato possono prendere il congedo parentale. Rispondiamo alla domanda di un lettrice che ci ha chiesto informazioni in merito.

Infatti, anche a quest’ultimo personale della scuola, quindi i supplenti, per quanto riguarda i periodi di astensione obbligatoria per maternità coperti da nomina, spetterà l’intera retribuzione fissa mensile (anziché l’80%).

Per quanto riguarda i periodi di astensione facoltativa post-partum, i primi trenta giorni, computati complessivamente sia per la mamma che per il papà e fruibili anche in modo frazionato, non andranno ad incidere sulle ferie.

Inoltre, saranno valutati ai fini dell’anzianità di servizio e saranno retribuiti per intero, con esclusione dei compensi per lavoro straordinario e le indennità per prestazioni disagiate, pericolose o dannose per la salute.

Bisogna sottolineare un aspetto molto importante: in caso di congedo parentale, il lavoratore non è tenuto a recuperare le ore lavorative dovute.

Per cui se il personale si assenta in coincidenza di attività collegiali o di incontri scuola famiglia, ad esempio per i docenti, così come non si è tenuti a recuperare le ore di servizio curricolari, non si è obbligati nemmeno a recuperare le ore pomeridiane degli incontri scuole famiglia.

.

.

.

.

.

.

.

.

Un docente in congedo parentale può partecipare a corsi di formazione? ultima modifica: 2019-02-07T21:37:13+02:00 da Gilda Venezia
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl