VINCOLO QUINQUENNALE: una cosa stupida legata ad una falsa rappresentazione della realtà

Gilda Venezia

dalla Gilda degli insegnanti di Venezia, 11.3.2021.

Un docente che sta bene nella propria scuola non si muove, né chiede trasferimento.

Gildas Venezia

ll vincolo quinquennale di permanenza su scuola è stato introdotto dall’art. 1 comma 17-octies del Decreto Legge 126/2019 convertito in Legge con modificazioni dalla Legge 20 dicembre 2019, n. 159in sostituzione del vincolo triennale su provincia previsto dalla precedente normativa. Vale per tutti  i docenti neo-assunti dall’a.s.2020/21.

ll vincolo quinquennale di permanenza su scuola è stato introdotto dall’art. 1 comma 17-octies del Decreto Legge 126/2019 convertito in Legge con modificazioni dalla Legge 20 dicembre 2019, n. 159in sostituzione del vincolo triennale su provincia previsto dalla precedente normativa. Vale per tutti  i docenti

La norma si applica anche alle assegnazioni provvisorie, alle utilizzazioni e agli incarichi a tempo determinato ai sensi dell’art. 36 del CCNL e prevede inoltre l’inderogabilità del vincolo da parte dei contratti collettivi nazionali negoziati con le organizzazioni sindacali. Ciò significa che il Contratto Integrativo Nazionale sulla mobilità non può modificare il provvedimento che può essere cambiato solo con legge o atto avente valore di legge. La trattativa sulla mobilità 2021-22 si è di fatto interrotta a causa delle richieste di tutti i sindacati per l’abolizione o la radicale riforma del vincolo quinquennale. Il governo prende tempo perché serve una decisione politica e non più tecnica.

La questione del vincolo quinquennale parte da lontano (infatti prima era stato disposto il più “blando” vicolo triennale. Le forze politiche che più si sono distinte nel corsi degli anni nel richiedere limiti stringenti alla mobilità dei docenti sono state molte. Storicamente la Lega – Nord è stata paladina di provvedimenti limitativi della mobilità per evitare l’ “invasione di docenti meridionali” a discapito dei docenti precari del nord. La ratio era quella di disincentivare le assunzioni nelle scuole del nord da parte di docenti provenienti da altre regioni che poi avrebbero approfittato strumentalmente della mobilità del personale per tornare a casa senza garantire la continuità didattica e togliendo posti disponibili di fatto ai precari locali.

La Lega è cambiata. Ora si è fatta paladina dell’abolizione del vincolo quinquennale e dell’assunzione ope legis del precariato. Potenza della ricerca del facile consenso.
Ma sulla questione dei vincoli tutti i governi degli ultimi anni hanno cercato di porre mano. Il movimento 5 stelle, Italia Viva, parte del PD e di Forza Italia sembra siano ancora tra i difensori del vincolo in nome del diritto degli studenti e delle famiglie di avere continuità didattica nelle scuole. Dimenticano che la continuità didattica si può aggirare con l’applicazione della legge 104, nelle assegnazioni provvisorie e nelle utilizzazioni. Ma è ancora più preoccupante non sapere che un docente costretto ad insegnare in contesti lontani dalla regione di residenza per cinque anni rischia di essere scavalcato dalle immissioni in ruolo dei nuovi venuti che hanno l’opportunità di scegliere una sede di servizio fortemente desiderata dai docenti “immobilizzati” che poi potrebbero tenersi per sempre. Una situazione di palese ingiustizia che nasce dalla complessità delle norme deregolano il lavoro degli insegnanti che di volta in volta vengono cambiate da chi a scuola c’è stato solo sui banchi.

La continuità didattica si garantisce dando l’opportunità di chiedere la mobilità su cattedra anche in altre regioni o province dopo la conclusione del primo anno di prova, come previsto dalla precedente normativa. Solo dopo la scelta di una sede su organici effettivi di diritto si può immaginare un obbligo di permanenza nella scuola richiesta per un triennio.
Nel caso disgraziato di obbligo di permanenza quinquennale si dovrebbe consentire almeno la mobilità nella provincia e interprovinciale nella regione scelta.

Vedremo cosa accadrà a livello di scelte governative, ma è necessario rimettere mano complessivamente alla disciplina della scelta delle sedi e della conseguente mobilità.

La vera continuità didattica non si garantisce creando obblighi di permanenza su sedi non gradite, ma dando certezza di avere un rapporto di lavoro caratterizzato da valorizzazione della professionalità e dalla trasparenza delle norme.
Un docente che sta bene nella propria scuola non si muove, né chiede trasferimento.
Un docente lontano dalla propria famiglia farà di tutto per poterla raggiungere.

.

Gilda degli insegnanti di Venezia

.

.

.

.

VINCOLO QUINQUENNALE: una cosa stupida legata ad una falsa rappresentazione della realtà ultima modifica: 2021-03-11T04:27:41+01:00 da Gilda Venezia

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl