Alternanza Scuola Lavoro. Mozione del Collegio dei docenti dell’I.I.S. “M. Polo – Liceo Artistico” di Venezia

inviata dai colleghi dell’IIS M. Polo – L.  Artistico di Venezia, 8.11.2017

MOZIONE DEL COLLEGIO DEI DOCENTI DELL’ I.I.S. “M. Polo – Liceo Artistico” di Venezia

Al Ministro della Pubblica Istruzione
V.le Trastevere
ROMA
e p.c.
al Consiglio d’Istituto
ai genitori e agli studenti
alle Organizzazioni sindacali
agli organi di stampa

Il Collegio dei docenti dell’I.I.S. “M. Polo – Liceo Artistico” di Venezia, nella seduta del 7 novembre 2017, in occasione degli “Stati Generali dell’Alternanza Scuola Lavoro”, indetti dal M.I.U.R. per il 16 dicembre 2017, come momento di riflessione – da parte dei soggetti interessati – sull’innovazione introdotta dalla Legge 107/2015, all’art. 1 – commi dal 33 al 43

  • visto l’art. 1 c. 33 della Legge n. 107/2015, che prevede l ‘obbligo di attuazione di 400 ore di alternanza scuola lavoro per gli istituti tecnici e professionali e di 200 ore per i licei;
  • visto l’art. 13 c. 2 lett. c del D. Lgs n. 62/2017, che include tra i requisiti di ammissione agli Esami di Stato lo svolgimento dell’intero ammontare di ore di attività di alternanza scuola lavoro (ASL) nel secondo biennio e nell’ultimo anno;
  • considerato che, in base all’esperienza maturata nei primi due anni di applicazione, 200 ore risultano un numero esorbitante e di difficile attuazione, soprattutto per gli indirizzi del Liceo Artistico e del Liceo Musicale, che hanno un quadro orario settimanale curricolare rispettivamente di 35 e 32 ore;
  • infatti, con un quantitativo così alto di ore risulta estremamente difficile:
  • garantire agli studenti esperienze di alternanza collegate in modo organico con il lavoro in classe e con l’indirizzo di studio;
  • garantire la selezione e il monitoraggio dei soggetti esterni che svolgano un’effettiva e mirata attività di formazione e non riducano l’ASL ad una mera esperienza di lavoro gratuito, per lo più di tipo ripetitivo e meramente esecutivo;
  • evitare di frantumare il gruppo classe con piccoli gruppi di studenti a rotazione in ASL, vista la difficoltà di collocare contemporaneamente tutti gli studenti in fasi dell’anno scolastici compatibili con le esigenze sia della scuola che dei soggetti esterni;
  • evitare di sottrarre un numero significativo di ore alla didattica ordinaria, rispetto alla quale l’ASL deve avere un ruolo complementare ma non sostitutivo;
  • al tempo stesso evitare di sottoporre gli studenti, in particolare quelli con giudizio sospeso, ad un eccessivo carico di lavoro durante i periodi di sospensione delle lezioni;
  • evitare di svolgere l’ASL con imprese che usino gli studenti con funzioni di fatto sostitutive di lavoratori dipendenti o che comunque tengano comportamenti non responsabili da un punto di vista ambientale, sociale, della sicurezza del lavoro o che svolgano attività non compatibili con i fini formativi della scuola pubblica;

CHIEDE

una modifica legislativa che preveda che, nell’ottica del rispetto della libertà di insegnamento prevista dall’art. 33 della Costituzione e della piena attuazione dell’autonomia, di cui all’art. 21 L.n. 59 /1997, peraltro richiamata tra gli obiettivi principali della stessa Legge 107/2015 art. 1 c.1, siano gli organi collegiali delle Istituzioni scolastiche a deliberare:

  • se svolgere o meno le attività di Alternanza scuola lavoro, in base agli obiettivi didattici e formativi del Ptof;
  • la determinazione del quantitativo complessivo minimo di ore di Alternanza scuola lavoro da garantire nel secondo biennio e nell’ultimo anno.

Le mozioni dei Collegi docenti di Venezia

.

.

Alternanza Scuola Lavoro. Mozione del Collegio dei docenti dell’I.I.S. “M. Polo – Liceo Artistico” di Venezia ultima modifica: 2017-11-08T05:16:53+00:00 da Gilda Venezia

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl