Basta un prof per fermare una classe

Corriere-scuola_logo14

Mal di testa improvviso e visita dal neurologo, o interventi fiume per allungare i tempi
I trucchi per boicottare i giudizi. «Nell’88 ci tuffammo nel lago gelato per ammalarci»

di  Fabrizio Caccia,  Il Corriere della Sera  17.5.2015

CdC16

ROMA «…E poi c’è sempre la famosa epidemia!». Il prof duro e puro alle prese col ddl Renzi, che si sente umiliato «da anni di tagli» alla scuola, dal «contratto bloccato ormai dal 2006», prova uno scatto d’orgoglio ricordando quella «magica sera» di primavera romana del 1988, quando lui e un po’ di colleghi – alla vigilia degli scrutini di un’altra stagione di lotte – decisero di tuffarsi insieme nelle acque gelide del laghetto dell’Eur. Il risultato fu che, il mattino dopo, vennero tutti colti da attacco febbrile e gli scrutini in questione slittarono di giorni, settimane, fino ad avvenuta guarigione. Il «party epidemico» – come fu ribattezzato – superò indenne le visite fiscali.

«Ma non datevi malati»
Tutte le strade portano al «blocco». Sono svariate – e assai fantasiose – le vie della protesta quando il gioco si fa duro, nel mondo della scuola. «Attenzione però, il “datevi malati” è l’indicazione sbagliata», eccepisce convinto il portavoce nazionale dei Cobas, Piero Bernocchi. «Noi non stiamo giocando a nasconderci né vogliamo la prova muscolare col governo – spiega -. Crediamo anzi che la lotta contro il ddl Renzi debba andare avanti a viso aperto, con la massa di consenso più larga possibile alle spalle, compresi sperabilmente i confederali e quelli di Gilda e Snals, perché altrimenti se il numero di chi protesta non è adeguato, anche trucchi e trucchetti alla fine non funzionano». Già, i «trucchetti». Uno di questi, nel gergo delle lotte, quando s’avanza lo spettro della precettazione per non far slittare gli esami, viene anche chiamato «sciopero deontologico» o «deontologia applicata». Succede quando un consiglio di classe decida di mobilitarsi, senza voler patire le trattenute in busta paga degli scioperi legittimi o le multe esose di quelli non proclamati: la tecnica è quella di affrontare le valutazioni degli studenti «con molta calma». Così, con le aule-pollaio di oggi, con 28-30 alunni da esaminare, ognuno dei 10 prof del consiglio di classe comincerà a parlare «ad libitum»», per ore, del singolo candidato, col risultato che lo scrutinio dell’intera classe terminerà dopo settimane.

«Quella volta ne parlarono anche in Argentina»
Stefano D’Errico, segretario nazionale di Unicobas, ricorda le proteste estreme di fine anni Ottanta, «con gli scrutini che slittarono di un mese, ne parlarono pure in Argentina…». Però i tempi sono cambiati, già nel ‘90 intervenne la legge 146 che stabilì precise sanzioni in caso di sciopero selvaggio. Contro le multe (che oggi vanno da 200 euro in su a seconda dei giorni d’astensione) si è già sperimentata – «e lo si farà probabilmente anche quest’anno», prevede Bernocchi – l’efficacia della «cassa di resistenza» o «di solidarietà», un fondo comune per ammortizzare la protesta a oltranza, pagando un po’ tutti le spese di ognuno.
Il fatto è che per essere valido, lo scrutinio dev’essere svolto da un «collegio perfetto», cioè vi devono presenziare tutti gli insegnanti del collegio di classe: basta che ne manchi uno e si blocca. Si capisce come sia facile – in linea teorica – rallentarne i tempi. E sebbene, per far svolgere gli scrutini delle «classi terminali», quelle cioè con gli esami alle porte, i prefetti possano decidere la precettazione, ecco – conclude il prof duro e puro che 30 anni fa s’immerse nel laghetto dell’Eur – che anche oggi, nella Scuola 2.0, la risposta più efficace può rivelarsi il certificato medico: «Un improvviso forte mal di testa accusato durante lo scrutinio e una visita successiva dal neurologo, perché il ddl Renzi in fondo produce incubi…».

Già. Bisognerà vedere, però, in quanti lo seguiranno.

Basta un prof per fermare una classe ultima modifica: 2015-05-18T05:23:30+02:00 da Gilda Venezia
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl