Bisogni educativi speciali: chiarimenti Miur

notizie-scuola_logo2Notizie della scuola,  4.4.2019

In risposta ad alcuni quesiti pervenuti da parte delle scuole, il Miur ha fornito utili chiarimenti e spunti di riflessione in ordine agli alunni con bisogni educativi speciali, concernenti il Piano Didattico Personalizzato, la scuola dell’infanzia, gli esami di Stato del primo ciclo, gli alunni ad alto potenziale intellettivo.

Le disposizioni normative dedicate agli alunni con bisogni educativi speciali, mirano ad assicurare loro gli adeguati strumenti di supporto indispensabili per la partecipazione alla vita scolastica su un piano di uguaglianza con gli altri compagni di classe. In questa prospettiva, il Piano Didattico Personalizzato dev’essere uno strumento condiviso per consentire ad un alunno di dialogare e di cooperare con il gruppo classe, nell’ottica della progettazione inclusiva, della corresponsabilità educativa, per il raggiungimento degli obiettivi previsti secondo il ritmo e lo stile di apprendimento di ciascuno.

Con nota 3 aprile 2019, prot. n. 562 il Miur fornisce una serie di chiarimenti sugli alunni con bisogni educativi speciali, legati a vari aspetti della vita scolastica.

Nella scuola dell’infanzia sarebbe più opportuno fare riferimento a un profilo educativo o altro documento di lavoro che la scuola in propria autonomia potrà elaborare e non ancora a un Piano Didattico Personalizzato.

Con nota 3 aprile 2019 prot. n. 562 apposita nota in corso di emanazione relativa allo svolgimento degli esami di Stato del primo ciclo di istruzione, saranno fornite utili precisazioni anche con riferimento agli alunni con bisogni educativi speciali.

Anche nel caso di  alunni ad alto potenziale intellettivo (Gifted children), correttamente considerati nell’ambito dei Bisogni Educativi Speciali, la strategia da assumere è rimessa alla decisione dei Consigli di Classe o Team Docenti della primaria che possono adottare metodologie didattiche specifiche in un’ottica inclusiva, sia a livello individuale sia di classe, valutando l’eventuale convenienza di un percorso di personalizzazione formalizzato in un PDP.

Infine è in fase di rinnovo il Portale italiano per l’inclusione scolastica (bes.indire.it), realizzato in collaborazione con l’Indire, che raccoglie tutta i contenuti utili in materia di disabilità, disturbi specifici dell’apprendimento e altri bisogni educativi speciali.

.

.

.

.

.

.

.

.

Bisogni educativi speciali: chiarimenti Miur ultima modifica: 2019-04-04T12:06:39+01:00 da Gilda Venezia
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl