Chi e come controlla il green pass a scuola

di Fiammetta Rubini Money.it, 26.8.2021.

Il sistema di controllo del green pass a scuola per insegnanti e personale ATA è allo studio del Ministero. Ecco come potrebbe funzionare e quale sarà il ruolo dei presidi nei controlli.

Gilda Venezia

Dal 1° settembre scatta l’obbligo di green pass a scuola per tutto il personale scolastico, e chi è senza rischia una sanzione da 400 a 1.000 euro, oltre che la sospensione dello stipendio dal primo giorno di assenza ingiustificata. In vista della nuova misura, che resterà in vigore fino al 31 dicembre 2021, ci si chiede chi e come controllerà il green pass a scuola: insomma, quale sarà il sistema per assicurarsi che nell’edificio scolastico entri solo chi è in possesso di green pass valido? Ecco le cose da sapere.

CHI CONTROLLA IL GREEN PASS A SCUOLA

Il compito di controllare il green pass di insegnanti e personale ATA spetterà ai presidi, anche se le modalità sono ancora oggetto di studio da parte del Ministero dell’Istruzione e del Ministero della Salute.

Stando ai piani del governo, il controllo potrebbe avvenire tramite una piattaforma dedicata a cui i dirigenti scolastici potranno accedere e su cui comparirà in automatico lo stato del green pass di ciascun dipendente scolastico. In caso di certificazione valida appare una luce verde, mentre davanti a un pass non in regola la luce sarà rossa.

Niente controllo manuale, dunque, bensì un sistema automatico di validazione che contiene già i dati di docenti e personale ATA. I presidi dovranno verificare solo che chi non è in possesso di green pass non possa entrare a scuola e che provveda a effettuare un tampone al più presto.

Come viene controllato il green pass a scuola

Al momento è in corso una interlocuzione tra Ministero della Salute e Garante della privacy per stabilire le modalità di gestione del green pass a scuola. L’idea del ministro dell’istruzione Patrizio Bianchi è di procedere con una verifica iniziale e, per chi ha ricevuto il vaccino – ovvero la stragrande maggioranza – ripetere il controllo non tutti i giorni ma una tantum. Per chi invece non è vaccinato e ottiene il green pass tramite tampone negativo (con scadenza a 48 ore) i controlli sarebbero più frequenti.

Nei piani del ministro anche il potenziamento dell’organico, in primis quello tecnico-amministrativo. Dopo l’immissione in ruolo di 12mila Ata sono previste altre 12mila assunzioni.

Si attende l’ok del Garante della privacy, entro il 31 agosto una conferenza tra ministero e associazione nazionale presidi potrebbe sciogliere la matassa e dare indicazioni ufficiali sul sistema di monitoraggio del green pass a scuola.

Le regole per scuola e università

Gli studenti non avranno l’obbligo di green pass per seguire le lezioni in presenza, ma resta l’obbligo della mascherina al chiuso e del distanziamento. Vietato entrare negli istituti con una temperatura corporea superiore a 37,5°C.

Diverse le regole per l’università, dove oltre a docenti e personale tecnico-amministrativo avranno l’obbligo di green pass anche gli studenti. I controlli e le verifiche verranno fatti a campione.

.

.

.

.

.

Chi e come controlla il green pass a scuola ultima modifica: 2021-08-26T17:20:06+02:00 da Gilda Venezia
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl