Collegio docenti, a inizio anno delibera il piano annuale della formazione

Gilda Venezia

Spetta al Collegio dei docenti di ogni Istituto, con l’inizio di ogni anno scolastico, deliberare un piano annuale della formazione e dell’aggiornamento.

Formazione e aggiornamento

La normativa di riferimento che riguarda la formazione e l’aggiornamento è l’art.66 del CCNL scuola 2006-2009. In tale norma è disposto che in ogni istituzione scolastica ed educativa il Piano annuale delle attività di aggiornamento e formazione destinate ai docenti è deliberato dal Collegio dei docenti coerentemente con gli obiettivi e i tempi del POF, considerando anche esigenze ed opzioni individuali. Analogamente il DSGA predispone il piano di formazione per il personale ATA.

Il Piano complessivo si può avvalere delle offerte di formazione promosse dall’amministrazione centrale e periferica e/o da soggetti pubblici e privati qualificati o accreditati. Il Piano si articola in iniziative: promosse prioritariamente dall’amministrazione; progettate dalla scuola autonomamente o consorziata in rete, anche in collaborazione con l’Università (anche in regime di convenzione), con le associazioni professionali qualificate, con gli Istituti di Ricerca e con gli Enti accreditati.

Formazione docenti non modificata dalla legge 107/2015

Con l’ultimo CCNL scuola 2016/2018, firmato il 9 febbraio 2018, si è potuto constatare che non è stata introdotta nessuna norma contrattuale di obbligatorietà della formazione dei docenti, tanto più non esiste nemmeno la possibilità di imporre, da parte dell’Amministrazione, monte ore annui o numero di crediti formativi di formazione obbligatoria.

Bisogna specificare che la formazione obbligatoria, permanente e strutturale dei docenti, definita dal comma 124 della legge 107/2015 non ha vincoli di ore annuali. Per approfondire l’argomento è utile ricordare che, ai sensi del su citato comma 124, la formazione obbligatoria deve essere svolta durante il servizio dei docenti. Questo significa che l’obbligatorietà della formazione è strettamente legata al servizio orario dei docenti e non dovrebbe rappresentare un aggravio di orario, oltre quello previsto contrattualmente. Si ricorda che il servizio dei docenti è ancora regolato dagli artt.28 e 29 del CCNL scuola 2006/2009 e dall’art.28 del CCNL scuola 2016-2018, dove le ore di impegno del docente sono quelle di lezione, dalle 25 ore per l’infanzia alle 22 +2 alla primaria, alle 18 della secondaria, oppure le 40 + 40 ore di attività collegiali. È necessario specificare che l’obbligo imposto ai docenti a frequentare la formazione fuori dal perimetro dell’art.29, andrebbe a contrastare proprio con il comma 124 della legge 107/2015. È importante chiarire che la formazione degli insegnanti diventa obbligatoria qualora sia il Collegio dei docenti a richiederla e a votarla. In buona sostanza la normativa vigente che regola la formazione dei docenti, è principalmente il CCNL scuola 2006/2009, che è stato prorogato per quanto riguarda la formazione dei docenti dal comma 10 dell’art.1 dell’ipotesi di CCNL scuola 2016/2018. Quindi come suddetto, ribadiamo che nel contratto collettivo nazionale della scuola 2006/2009, al comma 1 dell’ art.66, è scritto che in ogni istituzione scolastica ed educativa il Piano annuale delle attività di aggiornamento e formazione destinate ai docenti è deliberato dal Collegio dei docenti coerentemente con gli obiettivi e i tempi del POF, considerando anche esigenze ed opzioni individuali.

Formazione docenti e aumento stipendi

Il prossimo contratto della scuola, quello che resterà valido dall’1 gennaio 2019 al 31 dicembre 2021, toccherà quasi sicuramente l’aspetto normativo riferito alla formazione e all’aggiornamento dei docenti. La necessità di affrontare il nodo contrattuale della formazione docenti è dovuto alle importanti risorse finanziarie che il PNRR mette a disposizione per questo importantissimo tema.

Queste risorse finanziarie serviranno ad aumentare sostanzialmente gli stipendi dei docenti, in cambio della formazione obbligatoria su temi importanti come l’inclusione. Per cui con il prossimo CCNL 2019-2021, potrebbe diventare obbligatoria la formazione dei docenti e del personale Ata.

.

.

.

.

.

.

Collegio docenti, a inizio anno delibera il piano annuale della formazione ultima modifica: 2021-09-06T04:46:24+02:00 da Gilda Venezia

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl