Covid, a scuola si può misurare la temperatura: no alla registrazione associata all’alunno

di Lara La Gatta,   La Tecnica della scuola, 9.12.2020.

Mascherine a scuola, tra obblighi ed esenzioni.

Gilda Venezia

Tra le regole principali in periodo di Covid-19, c’è l’obbligo di rimanere al proprio domicilio in presenza di temperatura oltre i 37.5°. Questo vale anche per l’ingresso nell’edificio scolastico e pertanto è richiesta la misurazione a casa della temperatura corporea prima di recarsi a scuola. Questa azione consente infatti di prevenire la possibile diffusione del contagio nel tragitto casa-scuola, sui mezzi di trasporto utilizzati, quando si attende di entrare a scuola, o in classe.

Ci sono però delle Regioni o singole scuole che hanno disposto la misurazione della temperatura in entrata dei bambini, di tutto il personale docente e ausiliario presente nella struttura e dei c.d. “fornitori”.

In ogni caso, la misurazione della temperatura corporea va effettuata nella gestione di casi di alunni sintomatici durante l’orario scolastico all’interno dell’istituto scolastico.

Con un’apposita FAQ il Ministero ha chiarito che, considerato che la rilevazione della temperatura corporea, quando è associata all’identità dell’interessato, costituisce un trattamento di dati personali (art. 4, par. 1, 2) ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679), non è ammessa la registrazione della temperatura rilevata associata al singolo alunno.

Ormai la mascherina fa parte del nostro vivere ed anche a scuola è diventata pressoché obbligatoria indossarla.

In proposito, il Ministero dell’Istruzione ha aggiornato alcune FAQ, che chiariscono alcuni aspetti.

È vero che nelle scuole dell’infanzia non sono previste le mascherine?

È vero. Come ribadito nelle Linee guida per il settore 0-6, per i bambini sotto i sei anni non è previsto l’uso delle mascherine che invece sono indossate dal personale, non essendo sempre possibile garantire il distanziamento, vista l’età degli alunni e la loro necessità di movimento. Per ulteriori informazioni è possibile consultare il verbale n. 94 del Comitato Tecnico Scientifico del 7 luglio 2020.

La scuola fornisce le mascherine agli studenti e al personale scolastico?

Sì, la scuola consegna quotidianamente le mascherine di tipo chirurgico a tutto il personale e agli studenti, grazie alla fornitura di 11 milioni di dispositivi al giorno messi a disposizione dal Commissario straordinario per l’emergenza.

Gli alunni con disabilità devono indossare la mascherina?

Se la disabilità non è compatibile con l’uso continuativo della mascherina non devono indossarla. Lo ricorda il verbale n. 94 del Comitato Tecnico Scientifico del 7 luglio 2020. A ogni modo le scuole e le famiglie sono invitate a concordare le soluzioni più idonee a garantire le migliori condizioni di apprendimento.

Il personale che interagisce con alunni e alunne con disabilità deve indossare la mascherina?

Per questo personale si potrà prevedere, in aggiunta alla mascherina, l’utilizzo di ulteriori dispositivi di protezione individuali per occhi, viso e mucose, tenendo conto della tipologia di disabilità e di ulteriori indicazioni fornite dalla famiglia dell’alunno/studente o dal medico. Indicazioni in merito sono contenute nel Protocollo di sicurezza per la ripresa di settembre.

TUTTE LE FAQ

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
Covid, a scuola si può misurare la temperatura: no alla registrazione associata all’alunno ultima modifica: 2020-12-09T21:01:17+01:00 da Gilda Venezia
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl