Decreti Buona Scuola, pubblicati in Gazzetta Ufficiale: le novità e quando entreranno in vigore

tuttoscuola_logo14Tuttoscuola, 17.5.2017

– Pubblicati in Gazzetta Ufficiale i decreti legislativi della Buona Scuola firmati lo scorso 13 aprile dal Presidente della Repubblica Sergio Matterella. Entrata in vigore dal 31 maggio 2017. Si tratta nello specifico dei decreti legislativi sulla promozione della cultura umanistica, sull’effettività dei diritto allo studio, sul riordino, adeguamento e semplificazione del sistema di formazione iniziale e di accesso nei ruoli di docente nella scuola secondaria per renderlo funzionale alla valorizzazione sociale e culturale della professione, sulla valutazione e l’esame di Stato, sull’inclusione scolastica, sulla revisione dei percorsi dell’istruzione professionale, sulla scuola italiana all’estero e sullo zero – sei.  È possibile trovarli nei supplementi ordinari della Gazzetta Ufficiale n.112 del 16 maggio 2017.

DECRETO LEGISLATIVO 13 aprile 2017, n. 59  – Formazione iniziale e accesso nei ruoli di docente nella scuola secondaria

Riordino, adeguamento e semplificazione del sistema di formazione iniziale e di accesso nei ruoli di docente nella scuola secondaria per renderlo funzionale alla valorizzazione sociale e culturale della professione, a norma dell’articolo 1, commi 180 e 181, lettera b), della legge 13 luglio 2015, n. 107. (17G00067) (GU Serie Generale n.112 del 16-5-2017 – Suppl. Ordinario n. 23)
Entrata in vigore del provvedimento: 31 maggio 2017

Dal 2018 tutti i laureati potranno partecipare alle nuove selezioni, basta che abbiano conseguito 24 crediti universitari. I nuovi concorsi avranno cadenza biennale. Chi vince la selezione dovrà intraprendere un percorso triennale di formazione, inserimento e tirocinio, con una retribuzione crescente che parte fin dal periodo della formazione, fino al terzo anno dove sarà possibile arrotondare svolgendo anche le supplenze. Svolti i tre anni di formazione, se la valutazione sarà positiva, scatterà l’immissione in ruolo. Si prevede una fase transitoria durante la quale saranno esaurite le Graduatorie a esaurimento e quelle dell’ultimo concorso del 2016.

DECRETO LEGISLATIVO 13 aprile 2017, n. 60  – Promozione cultura umanistica

Norme sulla promozione della cultura umanistica, sulla valorizzazione del patrimonio e delle produzioni culturali e sul sostegno della creatività, a norma dell’articolo 1, commi 180 e 181, lettera g), della legge 13 luglio 2015, n. 107. (17G00068) (GU Serie Generale n.112 del 16-5-2017 – Suppl. Ordinario n. 23)
Entrata in vigore del provvedimento: 31 maggio 2017

DECRETO LEGISLATIVO 13 aprile 2017, n. 61  – Istruzione professionale

Revisione dei percorsi dell’istruzione professionale nel rispetto dell’articolo 117 della Costituzione, nonchè raccordo con i percorsi dell’istruzione e formazione professionale, a norma dell’articolo 1, commi 180 e 181, lettera d), della legge 13 luglio 2015, n. 107. (17G00069) (GU Serie Generale n.112 del 16-5-2017 – Suppl. Ordinario n. 23)
Entrata in vigore del provvedimento: 31 maggio 2017

I percorsi di istruzione professionale si comporranno da un biennio più un triennio, per una durata complessiva di 5 anni. Dall’anno scolastico 2018/19 (anno nel quale il sistema entrerà in vigore) gli indirizzi dei professionali passeranno da 6 a 11. Stanziati 48 milioni a regime per incrementare il personale scolastico. Stabilizzato lo stanziamento di 25 milioni di euro per l’apprendistato formativo.

DECRETO LEGISLATIVO 13 aprile 2017, n. 62  – Valutazione ed Esami di Stato

Norme in materia di valutazione e certificazione delle competenze nel primo ciclo ed esami di Stato, a norma dell’articolo 1, commi 180 e 181, lettera i), della legge 13 luglio 2015, n. 107. (17G00070) (GU Serie Generale n.112 del 16-5-2017 – Suppl. Ordinario n. 23)
Entrata in vigore del provvedimento: 31 maggio 2017

Per vedere all’opera la nuova maturità dovremo attendere l’anno scolastico 2018/19, anno nel quale entrerà in vigore. Per conoscere tutte le novità relative al nuovo esame di Stato, basta cliccare qui. Arriva “Il curriculum della studentessa e dello studente” in cui saranno riportate le materie ricomprese nel piano di studi con l’indicazione del monte ore complessivo destinato a ognuna di queste. In una specifica sezione del curriculum saranno “indicati, in forma descrittiva, i livelli di apprendimento conseguiti nelle prove scritte a carattere nazionale”, distintamente per ciascuna delle discipline oggetto di rilevazione e la certificazione sulle abilità di comprensione e uso della lingua inglese.

Per quanto riguarda il primo ciclo rimangono i voti che saranno però affiancati da una specifica certificazione delle competenze. Alla primaria la bocciatura (o meglio, “non ammissione”)  è prevista solo in casi eccezionali e con decisione unanime dei docenti della classe.

DECRETO LEGISLATIVO 13 aprile 2017, n. 63  – Diritto allo studio 

Effettività del diritto allo studio attraverso la definizione delle prestazioni, in relazione ai servizi alla persona, con particolare riferimento alle condizioni di disagio e ai servizi strumentali, nonchè potenziamento della carta dello studente, a norma dell’articolo 1, commi 180 e 181, lettera f), della legge 13 luglio 2015, n. 107. (17G00071) (GU Serie Generale n.112 del 16-5-2017 – Suppl. Ordinario n. 23)
Entrata in vigore del provvedimento: 31 maggio 2017

Aumentate le risorse per il diritto allo studio: 30 milioni vengono destinati per il 2017 alla copertura di borse di studio, altri 10 milioni (all’anno, fino al 2019-2020) vengono invece stanziati per l’acquisto di sussidi didattici nelle scuole che accolgono alunni con disabilità. Altri 10 milioni ancora vengono investiti, dal 2019, per l’acquisto da parte delle scuole di libri di testo e di altri contenuti didattici, anche digitali. Previsto, inoltre, l’esonero totale dal pagamento delle tasse scolastiche

DECRETO LEGISLATIVO 13 aprile 2017, n. 64  – Scuola italiana all’estero

Disciplina della scuola italiana all’estero, a norma dell’articolo 1, commi 180 e 181, lettera h), della legge 13 luglio 2015, n. 107. (17G00072) (GU Serie Generale n.112 del 16-5-2017 – Suppl. Ordinario n. 23)
Entrata in vigore del provvedimento: 31 maggio 2017

DECRETO LEGISLATIVO 13 aprile 2017, n. 65 – Zero – sei

Istituzione del sistema integrato di educazione e di istruzione dalla nascita sino a sei anni, a norma dell’articolo 1, commi 180 e 181, lettera e), della legge 13 luglio 2015, n. 107. (17G00073) (GU Serie Generale n.112 del 16-5-2017 – Suppl. Ordinario n. 23)
Entrata in vigore del provvedimento: 31 maggio 2017

Potenziato di 50 insegnanti (da 624 a 674) l’organico. I tempi di permanenza fuori dall’Italia passano dai 9 anni attuali a due periodi di 6 anni scolastici che dovranno però essere intervallati da un periodo di 6 anni nelle scuole italiane del Paese.

DECRETO LEGISLATIVO 13 aprile 2017, n. 66 – Inclusione

Norme per la promozione dell’inclusione scolastica degli studenti con disabilità, a norma dell’articolo 1, commi 180 e 181, lettera c), della legge 13 luglio 2015, n. 107. (17G00074) (GU Serie Generale n.112 del 16-5-2017 – Suppl. Ordinario n. 23)
Entrata in vigore del provvedimento: 31 maggio 2017

l decreto sull’inclusione degli alunni con disabilità ha registrato diverse modifiche in accoglimento delle proposte uscite dalle Commissioni parlamentari.

.

Decreti Buona Scuola, pubblicati in Gazzetta Ufficiale: le novità e quando entreranno in vigore ultima modifica: 2017-05-17T21:12:08+02:00 da Gilda Venezia

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl