Green pass, niente più sospensione dal lavoro per chi non ce l’ha. Resta lo stop allo stipendio

sole-scuola_logo14

di Nicoletta Cottone, Il Sole 24 Ore, 22.9.2021.

Domande e risposte sull’obbligo che scatta in tutti i luoghi di lavoro: nelle fabbriche, negli uffici, negli studi professionali. Anche per badanti, colf, idraulici ed elettricisti.

Gilda Venezia

Dal 15 ottobre si cambia: green pass obbligatorio per tutti i dipendenti pubblici e privati. L’obbligo scatta in tutti i luoghi di lavoro: nelle fabbriche, negli uffici, negli studi professionali. Lo ha stabilito il decreto legge approvato dal Consiglio dei ministri il 16 settembre.

Prima di arrivare alla firma del capo dello Stato il testo è stato modificato eliminando la sospensione dal lavoro, aspetto che aveva fatto molto discutere. Resta l’assenza ingiustificata e la perdita di stipendio quando il lavoratore è sorpreso al lavoro senza pass, che perdura fino a quando non si mette in regola.

Nelle imprese con meno di 15 dipendenti il decreto prevede la possibilità che il datore di lavoro dopo 5 giorni di assenza ingiustificata possa sospendere il lavoratore per il periodo corrispondente al contratto di sostituzione e attivare la sostituzione. Comunque per un periodo non superiore a 10 giorni e non oltre il termine del 31 dicembre 2021. Nel testo finale è stata aggiunta la possibilità di un rinnovo della sostituzione del lavoratore, una sola volta.

 

Domande e risposte

Green pass, niente più sospensione dal lavoro per chi non ce l’ha. Resta lo stop allo stipendio ultima modifica: 2021-09-22T08:47:38+02:00 da Gilda Venezia
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl