I Meridionali barano ai test INVALSI: ecco perché votano 5 Stelle, parola del Sole 24 Ore

roars_logoRoars, 31.10.2018

– «Questa visualizzazione mostra un rilevante parallelo tra le zone dove hanno prevalso il Movimento 5 Stelle e quelle dove si è registrato un coefficiente di Cheating INVALSI sopra la media». Ce lo fa notare il Sole 24 Ore in un un articolo intitolato “Il voto alle politiche di marzo e chi bara ai test Invalsi. Il caso degli elettori del Sud”, che, sottotraccia, ma neanche tanto, sta per: I terroni barano ai test invalsi e votano 5 stelle. L’elaborazione alla base della “notizia” «nasce dalla collaborazione tra gli studenti di Data Science  dell’Università di Milano-Bicocca e noi di Info Data [Il Data Blog del Sole 24 Ore] con l’obiettivo di formare gli studenti di data science sull’applicazione dell’analisi dei dati al giornalismo». Quanto l’obiettivo formativo sia stato raggiunto lo si può giudicare dalla domanda da cui sono partiti gli autori del pezzo: “nessuno [chissà perché, ndr] finora ha provato a capire se esista una relazione tra la propensione a barare sulle proprie competenze e quindi la disonestà nei confronti dei sistemi di valutazione e il voto alle politiche.”  Inutile dire che quello di cheating è un indicatore statistico determinato a priori dall’INVALSI, e non la misura di un’osservazione diretta. Sarà bene farsi qualche domanda. Cosa dobbiamo aspettarci, in futuro, se all’enorme banca dati INVALSI del cheating, dei valori aggiunti, delle “competenze” degli studenti, aggiungiamo anche i loro profili psicologici, come denunciato pochi giorni fa? Il “bambino sveglio” e “capace di pensare in fretta” sarà più propenso a barare? E quindi voterà 5 Stelle? E chi prevede di “riuscire a comprare tutte le cose che desidera” e di “guadagnare abbastanza soldi” sarà o non sarà futuro leghista? Quali e quante infinite correlazioni i Data Scientist di Milano Bicocca potranno scovare e pubblicare sul blog del Sole 24 Ore? Ecco in poche righe solo uno degli (infiniti) esempi limpidissimi di cosa si possa fare coi dati INVALSI. 

Per saperne di più:


Il Corso di Laurea in DATA SCIENCE dell’Università Milano Bicocca, leggiamo dal sito, ha come obiettivo:

formare figure professionali di alto livello che sappiano integrare conoscenze relative alle tecniche, i linguaggi e le tecnologie informatiche con conoscenze sulle tecniche, metodologie e ambienti di analisi statistica, applicandole a processi di gestione, analisi e utilizzo a fini di business amministrativi e sociali di dati digitali.

DATA SCIENTIST, si titola più in basso. Stiamo parlando, quindi, di scienziati dei dati.

Il Data Blog del Sole 24 Ore dal titolo “Info Data, le notizie raccontate dai numeri”, invece:

nasce nel 2011 [..] come strumento per analizzare i fatti attraverso i numeri. Tra gli autori giornalisti del Sole 24 Ore, statistici, matematici e amanti delle cifre. Partecipano anche gli studenti dei Master della Business School del Sole 24 Ore.

Stiamo parlando, dunque, di professionisti dell’analisi dei dati, oltre che dell’informazione e divulgazione di “fatti da raccontare attraverso i numeri”.

Il 29 Ottobre, il blog Info Data, tuttavia, pubblica un post a dir poco inquietante:

Il titolo è “Il voto alle politiche di marzo e chi bara ai test Invalsi. Il caso degli elettori del Sud”.

Che, sottotraccia, ma neanche tanto, sta per: I terroni barano ai test invalsi e votano 5 stelle .

Incredibilmente i Data scientists milanesi scoprono una correlazione tra la provenienza geografica e l’attitudine a barare  (cheating) nei test INVALSI, che ci mostrano con tanto di infografica.

Affermano: “nessuno [chissà perché, ndr] finora ha provato a capire se esista una relazione tra la propensione a barare sulle proprie competenze e quindi la disonestà nei confronti dei sistemi di valutazione e il voto alle politiche.”

Pare che:

ci sia un rilevante parallelo tra le zone dove hanno prevalso il Movimento 5 Stelle e quelle dove si è registrato un coefficiente di Cheating INVALSI sopra la media. Diverso è il caso di Sondrio dove ha prevalso il centro-destra dopo la vittoria alle comunali del candidato di sinistra.

Dunque, sebbene:

difficile e avventato trarre conclusioni da questi dati [..] è chiaro come contribuiscano a costruire un’immagine delle province interessate caratterizzata da un forte sentimento di alienazione dell’elettore rispetto alle istituzioni. (grassetto di chi scrive)

La fine analisi politico-statistica suona più o meno così:

i meridionali barano ai test INVALSI, quindi testimoniano una mancanza di senso delle istituzioni e votano 5 Stelle (alias populista). Fa eccezione Sondrio, dove è pieno di furbacchioni, che però votano a destra (sarà perché in Valtellina la presenza dei meridionali non è da sottovalutare ?)

Se a questa deduzione pseudoscientifica aggiungiamo che il costrutto di cheating è un indicatore statistico determinato a priori dall’INVALSI, e non la misura di un’osservazione diretta, la cosa si fa ancora più surreale.

Cosa dobbiamo aspettarci, in futuro, se all’enorme banca dati del cheating, dei valori aggiunti, delle “competenze” degli studenti, aggiungiamo anche le loro caratteristiche psicologiche, come denunciato pochi giorni fa?

Chi dichiarerà all’ INVALSI di “essere un bambino sveglio” e “capace di pensare in fretta” sarà più propenso a barare? E quindi voterà 5 Stelle? E chi dichiarerà di “riuscire a comprare tutte le cose che desidera” e voler “guadagnare abbastanza soldi” sarà o non sarà futuro leghista?

Quali e quante infinite correlazioni i Data Scientist di Milano Bicocca potranno scovare e pubblicare sul blog del Sole 24 Ore?

Quanto l’”autorevolezza” della testata e la facile comprensione di un simile non sense conteranno nella diffusione nell’immaginario pubblico?

Ecco in poche righe solo uno degli (infiniti) esempi limpidissimi di cosa si possa fare coi dati INVALSI. 

.

.

.

.

I Meridionali barano ai test INVALSI: ecco perché votano 5 Stelle, parola del Sole 24 Ore ultima modifica: 2018-11-01T05:03:04+00:00 da Gilda Venezia

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl