Riapertura delle scuole, i dati inquietanti di un’istituzione presentata come sicura

dal blog di Gianfranco Scialpi, 17.10.2020

I dati del Ministro non rassicurano. Molti quesiti a un mese dall’inizio.

Gilda Venezia

Riapertura delle scuole, la Ministra rassicura. I dati forniti da lei, invece dicono altro. Sono tutti im crescita, ipotizzando uno scenario poco rassicurante Alcune riflessioni che rimandano a una serie di domande.

Riapertura delle scuole, leggendo i dati della Ministra…

Riapertura delle scuole, lo si sapeva che i contagi l’avrebbero toccata.
Questa è la situazione fotografata dal MI:


Prima considerazione: i contagi sono aumentati. Rispetto al 26 settembre, quindi parliamo di un arco temporale molto breve, tutti i dati sono superiori al 100%. Chi studia statistica, sa benissimo che la finestra temporale analizzata non consente di esprimere nessuna valutazione sulla sicurezza o meno delle scuole. Occorre attendere ancora. Certo l’oggettiva progressione non tranquillizza.
E’ indubbio che la maggior parte dei contagi sono esterni, ma questi hanno un effetto moltiplicatore, quando entrano a scuola. In altri termini, si rischia che gli studenti che stanno bene, si ammalino per l’esposizione ai compagni contagiati. L’affollamento delle aule, situazione ancora molto diffusa facilita questo passaggio. Non parliamo poi dei docenti e in genere del personale scolastico.

Alcune considerazioni

Quale limite occorre superare per il cambio di posizione? A febbraio-marzo eravamo quasi fuori dall’inverno con la prospettiva, avverata poi, di un’attenuazione della potenza virale grazie al semestre caldo. Ora invece siamo all’inizio dell’autunno e con l’inverno ancora da venire. Queste stagioni  favoriscono  la  diffusione di virus influenzali che attaccano anche le vie respiratorie. Difficile ipotizzare che la situazione possa migliorare. Quindi la prospettiva non rassicura. Mi chiedo: dobbiamo arrivare al punto di non-ritorno per decretare la chiusura delle scuole?
Nel frattempo si attuerà l’art. 34 di una scuola aperta, ma con aule semivuote o peggio ancora vuote. E’ questa la scuola che si vuole? Questo possibile scenario presenta una scuola migliore di una supportata dalla Dad?
Ho l’impressione che la centralità della scuola ribadita dal governo e da altre personalità nasconda solo l’esigenza di assicurare un parcheggio per i figli di genitori che lavorano.
L”ultima conferma l’abbamo avuta ieri. De Luca ha rivisto la sua ordinanza i chiusura. Dopo la protesta di molti genitori ha escluso i nidi e le scuole dell’infanzia.

.

.

.

.

.

.

.

 

Riapertura delle scuole, i dati inquietanti di un’istituzione presentata come sicura ultima modifica: 2020-10-17T12:20:41+02:00 da Gilda Venezia
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl