Scuola e Covid, confermato il protocollo di sicurezza. L’ISS però…

Gilda Venezia

dal blog di Gianfranco Scialpi, 15.5.2021.

Gilda Venezia

Scuola e Covid, il Mi conferma conferma il protocollo di scurezza. I dati dell’Iss, però richiedono una maggiore cautela e attenzione. Il 2021-22 sarà un anno-fotocopia?

Scuola e Covid, il Mi conferma il protocollo di sicurezza

Scuola e Covid, il Mi ribadisce la validità del protocollo di sicurezza, elaborato quest’estate dalla ex Ministra Azzolina. La decisione è comunicata attraverso una nota ufficiale (6 maggio n°698).  In sostanza si vieta l’uso delle mascherine Fpp2 per gli allievi e gli studenti. Confermati, invece il metro buccale, l’areazione delle aule (apertura delle finestre) e il lavaggio delle mani.
La decisione è supportata da diversi organismi. Si legge infatti: “Il Comitato tecnico scientifico, in occasione della medesima riunione (verbale n.10 del 21 aprile
2021) e nelle more degli approfondimenti che sta in proposito conducendo in collaborazione con l’Istituto Superiore di Sanità, l’INAIL e il Ministero della Salute, ha altresì suggerito di continuare ad attenersi ai protocolli di sicurezza dallo stesso CTS già in precedenza approvati“.

Eppure i dati dell’Iss presentano una situazione in peggioramento

Quindi nonostante lo scenario sanitario sia cambiato, resta valido il protocollo di sicurezza pensato per contenere il Covid-19. Il virus di origine cinese ha ormai abbandonato il palcoscenico. E’ stato sostituito dalle varianti. Prevalente è quella inglese (91,6%) “con valori oscillanti tra le singole regioni tra il 77,8% e il 100%. Ma è presente anche la brasiliana nel 4,5% dei casi, con punte del 18,3 nel Lazio e del 14% in Umbria e Bolzano. I nuovi positivi individuati nelle scuole tra studenti e personale sono tutti da varianti Covid e necessitano, quindi, di essere trattati come tali (ItaliaOggi 11 marzo)
Purtroppo la riapertura delle scuole dopo Pasqua non rassicura. I contagi sono in rialzo. Sempre su ItaliaOggi si legge:”E’ record di contagi tra i bambini e ragazzi in età scolare. Nelle ultime due settimane ben 21,6% di tutti i 166.139 nuovi casi di Covid-19 registrati in Italia tra il 19 aprile e il 2 maggio è rappresentato da persone che hanno meno di 19 anni: 35.886 nuovi positivi in età scolare tra 0 e 19 anni. Una percentuale mai così alta dall’inizio della pandemia, neppure durante la seconda ondata in autunno… A registrarlo negli ultimi due monitoraggi settimanali è l’Istituto Superiore di Sanità (ISS)…”
Come interpretare la decisione del Mi di confermare il protocollo Azzolina? Probabilmente sono convinti che i contagi sono tutti esterni alla scuola. In altri termini si è persuasi che la sorgente sia  la famiglia, i trasporti e altro.
Cosa avverrà a settembre? Difficile ora ipotizzare lo scenario. La pandemia è una realtà dinamica, fatta di un continuo saliscendi. Sicuramente la vaccinazione ai ragazzi (12-15 anni) contribuirà molto a rendere le scuole più sicure. Situazione che farà coppia con la protezione per il personale scolastico attuata con il vaccino Astrazeneca. Staremo a vedere.

.

.

.

.

.

.

 

 

Scuola e Covid, confermato il protocollo di sicurezza. L’ISS però… ultima modifica: 2021-05-16T04:40:20+02:00 da Gilda Venezia
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl