Utilizzazione interprovinciale: delusione per non averla ottenuta. Chiariamo i motivi

Orizzonte_logo14

di Giovanna Onnis,  Orizzonte Scuola,  31.8.2015

normativa02

In questo periodo dell’anno scolastico in cui si conoscono i risultati dei movimenti annuali dei docenti (Utilizzazioni e Assegnazioni  provvisorie), gli stati d’animo degli interessati sono diversi a seconda dell’esito della loro richiesta.

Uno dei movimenti spesso richiesti è l’utilizzazione interprovinciale che non sempre viene concessa, anche in presenza di disponibilità di cattedre, a causa della mancanza dei requisiti per poterla chiedere.

Per esattezza è necessario usare il singolare e parlare di “requisito” e non di “requisiti”, in quanto l’unico requisito richiesto, non sempre considerato dal docente che presenta la relativa domanda, è quello di appartenere a classe di concorso in esubero provinciale.

La normativa è chiara in proposito! Nell’art.2 comma 4 del CCNI sulle Utilizzazioni e AP 2015/16 si chiarisce quanto segue:

Al fine di assicurare un corretto avvio dell’anno scolastico e di agevolare il riassorbimento dell’esubero, sono consentite operazioni di utilizzazione a domanda da fuori provincia esclusivamente ove permanga la situazione di esubero nel posto o nella classe di concorso della provincia di appartenenza; dette utilizzazioni saranno disposte nella provincia richiesta, laddove risulti disponibilità di posti di insegnamento, prioritariamente per il posto o per la classe di concorso di appartenenza ed in subordine su posti comunque disponibili per i quali il docente sia in possesso del titolo di abilitazione corrispondente. 

E’ utile chiarire in proposito che una classe di concorso risulta in esubero provinciale quando il numero di docenti titolari risulta superiore al numero di cattedre presenti in Organico di Diritto per quella classe di concorso.

In assenza di questa condizione, anche se il docente risulta trasferito d’ufficio, ma nel corso dei movimenti gli esuberi sono stati tutti assorbiti e, conseguentemente la classe di concorso di appartenenza non risulterà più in esubero provinciale per l’anno scolastico successivo, non potrà chiedere utilizzazione interprovinciale.

Tale regola vale per qualsiasi tipologia di posto richiesto, sia comune che sostegno.
Spesso, infatti,  il docente che presenta domanda di utilizzazione interprovinciale interpreta  erroneamente l’art 2 comma 1 lettera i) che indica tra coloro che possono chiedere utilizzazione “i docenti titolari su insegnamento curriculare in possesso del titolo di specializzazione che chiedono di essere utilizzati solo su sostegno, nell’ambito dello stesso grado di istruzione” che si riferisce però esclusivamente alle utilizzazioni nella provincia di titolarità.

Utilizzazione interprovinciale: delusione per non averla ottenuta. Chiariamo i motivi ultima modifica: 2015-08-31T07:00:48+00:00 da Gilda Venezia

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl