Vicari dei dirigenti. Resta il problema delle sostituzioni e dell’infanzia

Orizzonte_logo14

Orizzonte Scuola,  18.8.2015

Faraone43

Il Sottosegretario Faraone ha più volte ribadito che al Ministero il problema dei collaboratori dei dirigenti è sotto esame, dopo il pasticcio della “Buona scuola”.

C’è da chiedersi dove fossero i rappresentanti del Governo quando la stampa specializzata e i parlamentari ponevano il problema degli esoneri dei vicepresidi a seguito dell’abolizione nella Legge di Stabilità e il fatto che con la riforma dovessero rientrare con parte dell’organico potenziato.

Così, dato che l’organico potenziato partirà a Novembre (se tutto andrà bene) le scuole si trovano a dover affrontare l’abolizione dei vice che hanno una funzione importantissima, soprattutto per quelle scuole spalmate in più sedi a seguito degli accorpamenti selvaggi sul territorio o date in reggenza.

Al Ministero si studia, così ha detto Faraone, il modo di utilizzare le veccie reggenze fino all’avvio dell’organico potenziato, ma si pone il problema delle sostituzioni dei docenti collaboratori, dato che non sarà possibile aumentare il carico di spesa. Vedremo quale coniglio sarà tirato fuori dal cilindro.

Il problema delle sostituzioni si pone anche all’avvio del nuovo regime per la nomina dei collaboratori. Ricordiamo che i dirigenti in sede di individuazione dell’organico potenziato potranno individuare fino al 10% di collaboratori in rapporto ai membri del collegio dei docenti. La richiesta sarà accolta o meno dagli USR e il numero dei collaboratori richiesti rientrerà nel computo totale della dotazione organica della scuola, senza, quindi, oneri aggiuntivi. Il problema sarà nel far combaciare la materia del docenti che avrà incarico di collaboratore con il docente che dovrà sostituirlo, dato che non si potrà ricorrere alle classiche supplenze (così, almeno, pare di capire), ma l’incastro dovrà avvenire in sede di assegnazione dell’oganico potenziato.

Altra questione riguarda il problema delle scuola dell’infanzia, che, per quest’anno, non potendo attivare l’organico potenziato (si attende, infatti, la riforma 0-6) rischiano di restare senza collaboratori. Valgono per l’infanzia le vecchie regole? Il Ministero dovrebbe presto intervenire sulla questione, dato che si avvicina il momento in cui le scuole iniziano ad organizzarsi per l’avvio dell’anno sclastico che rischia di diventare un vero e proprio caos.

 

Vicari dei dirigenti. Resta il problema delle sostituzioni e dell’infanzia ultima modifica: 2015-08-18T07:50:54+00:00 da Gilda Venezia

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl