Ritorno a scuola il 7 gennaio? Probabile ok della conferenza Stato-Regioni

di Alessandro Giuliano e Daniele Di Frangia,  La Tecnica della scuola, 23.12.2020.

Conte: studenti in presenza almeno al 50% e orari d’entrata diversi da scuola a scuola.

Gilda Venezia

Via libera alla riapertura delle scuole dal 7 gennaio. Secondo indiscrezioni, la Conferenza Unificata di oggi Stato-Regioni, dovrebbe dare il via libera alla riapertura, in una prima fase con una presenza di studenti del 50%.

Questa percentuale potrà poi aumentare via via se ci saranno le condizioni. Più articolata pare sia la mediazione sul nodo trasporti pubblici riguardo gli orari di ingresso degli studenti. Data per certa la presenza della ministra Azzolina alla conferenza.

Ecco cosa leggiamo sul sito del Governo:

La Conferenza Unificata è convocata, in seduta straordinaria, per mercoledì 23 dicembre 2020, alle ore 15.30 e si terrà in collegamento con modalità di videoconferenza dalla Sala riunioni del I piano di Via della Stamperia, n. 8 in Roma, per esaminare il seguente ordine del giorno:

Intesa, ai sensi dell’articolo 8, comma 6, della legge 5 giugno 2003, n. 131, sul Documento di “Linee guida per garantire il corretto svolgimento dell’anno scolastico 2020-2021”. (ISTRUZIONE)  Codice sito 4.2/2020/28 – Servizio ambiente, territorio, istruzione e ricerca.

.

“Dobbiamo ripartire con la didattica al distanza almeno al 50% per le scuole superiori di secondo grado, con il massimo di flessibilità”: l’annuncio è del premier Giuseppe Conte, che in questo modo avalla i cambiamenti orari su cui stanno realizzando le prefetture assieme agli organi coinvolti. Ma riduce anche dal 75% (come previsto dal Dpcm del 3 dicembre scorso) al 50% la percentuale di studenti che si recheranno a scuola per assistere alle lezioni in presenza.

Servono “soluzioni flessibili”

Durante un’intervista rilasciata a ‘Porta a porta’, il presidente del Consiglio ha detto che “con le prefetture a livello provinciale c’è un tavolo dei ministri da giorni per coordinarsi e trovare soluzioni flessibili” per il ritorno in classe degli studenti della secondaria di secondo grado per il prossimo 7 gennaio.

“Evitare criticità sui trasporti”

“Ho raccomandato perché ci sia un’apertura differenziata scuola per scuola, paese per paese. Nel segno della flessibilità: è l’unica possibilità che abbiamo per evitare criticità che si concentrano anche sui trasporti”, ha concluso il premier.

 


.
.
.
:
.
.
.
:
Ritorno a scuola il 7 gennaio? Probabile ok della conferenza Stato-Regioni ultima modifica: 2020-12-24T03:56:08+01:00 da Gilda Venezia
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl